Logo Sportellate
, 6 Gennaio 2021

Considerazioni sparse post Lazio-Fiorentina (2-1)


Caicedo, we love you.


- La trama di “Suicide Squad”, il film della DC Comics, pare esattamente ritagliarsi a quanto visto oggi sul prato verde dell’Olimpico: una Lazio dominante nel primo tempo, raddoppiante nel secondo, cerca sul finale di fare qualunque cosa per permettere ad una Fiorentina sterile e abulica di portare via un punto;

- Sospinti da un vorticoso ritmo tribale i biancocelesti segnano e cercano di segnare ancora nella prima frazione sciupando ghiotte occasioni. La Viola, dal canto suo, perso Ribery si arrocca non pungendo e permettendo al rientrante Strakosha di fare lo spettatore;

- Nella seconda frazione di gara ecco la solita Lazio: viene raramente superata la metà campo e, nell’unica chiara occasione, Immobile sfonda la porta scaricando la rabbia di un’intera squadra;

- A questo punto Patric pensa bene di mettere del pepe sul match stimolando Strakosha all’invocazione della divinità con alcune scelte quantomeno discutibili. Ma ci pensa il dinamico trio Thomas - Wesley - Stefan (Hoedt, che fino a quel momento si era distinto per pulizia e precisione) a regalare la massima punizione alla Viola che, come baciata da un favolesco principe, si sveglia e “rischia” di pareggiare;

- Menzione d’onore va a Inzaghi i cui cambi, ai più, paiono interpretabili come una funzione disegnata sulle lavagne del CERN. L’importante erano i 3 punti in casa Lazio: mission accomplished. La Fiorentina, invece, ha parecchie domande da farsi specie sui movimenti dalla trequarti in su e forse dovrebbe ripartire dagli ultimi 6/7 minuti finali.

  • Impuro, bordellatore insaziabile, beffeggiatore, crapulone, lesto de lengua e di spada, facile al gozzoviglio. Fuggo la verità e inseguo il vizio. Ma anche difensore centrale.

Ti potrebbe interessare

La pelota siempre al Diez

L'addio di Luis Alberto alla Lazio, sul confine tra follia e lucidità.

La Fiorentina può battere l'Olympiacos?

Ecco cosa aspettarsi dalla seconda finale europea consecutiva dei viola.
,

L'ultimo ballo di Vincenzo Italiano

Cosa sono stati i tre anni della Fiorentina con Italiano in panchina?
,

Il futuro di Kamada è ancora da scrivere

Il trequartista giapponese ha vissuto una stagione travagliata.

Dallo stesso autore

La pelota siempre al Diez

L'addio di Luis Alberto alla Lazio, sul confine tra follia e lucidità.

La Lazio del '74 che morì nella bellezza

Cinquant'anni fa una squadra scelse involontariamente l'immortalità.

La Costa d'Avorio e la misticità della Coppa d'Africa

Il trionfo dei padroni di casa è arrivato senza un allenatore e sfiorando più volte la fine.
,

David Beckham, working class hero

La miniserie su uno dei calciatori inglesi più forti dell'era moderna rappresenta una bellissima sorpresa narrativa.
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu