Logo Sportellate
, 3 Gennaio 2021

Considerazioni sparse post Roma-Sampdoria (1-0)


Due squadre ormai abituate ad affrontarsi nel diluvio.


- Prosegue la tradizione consolidata che vede Roma e Sampdoria sfidarsi sotto il diluvio. La pioggia cade inclemente su Roma ma non modifica il piano gara delle due squadre: i giallorossi gestiscono il pallone e fanno la gara, la Samp aspetta compatta e prova a ripartire;

- Nel primo tempo la Roma, pur collezionando il 70% del possesso, soffre la solidità e la densità in mezzo al campo della Samp e non riesce a sfondare, nonostante un Pellegrini ispirato. Nei doriani Verre fa il trequartista quasi solo nominalmente, andando ad aiutare i due interni nella fase di non possesso, soprattutto nello schermare il regista avversario (Villar);

- Nella ripresa la Roma sale in cattedra, aumentando l’intensità e le occasioni iniziano a fioccare. Gli uomini di Fonseca non rinunciano alla costruzione del basso e ai fraseggi rapidi, ma date le condizioni deficitarie del campo non disdegnano anche il ricorso a qualche insolita palla lunga. Alla fine la sblocca Dzeko, con un anticipo sul primo palo da grande centravanti;

- La Samp non sfigura ed è ben organizzata ma nella seconda frazione si abbassa troppo, lasciando troppe opportunità alla Roma di entrare in area di rigore. Qualche contropiede poteva sicuramente essere gestito meglio, soprattutto con i due esterni Jantko e Candreva. Colley gioca un ottima partita, Ekdal abbina le sue grandi doti da diga di centrocampo ad una buona regia. Soffre invece Augello, come Quagliarella che risulta evanescente: non è mai stato nelle sue corde fare il centravanti abbandonato tra i difensori avversari;

- Nella Roma, molto bene i soliti Villar, Pellegrini e Mkhtaryan. Dzeko è decisivo, ma il man of the match va a Karsdorp, autore dell’assist e di un’altra prova di grande sostanza e continuità: l’olandese inizia ad essere un fattore. I giallorossi, abituati a giocare di fioretto, dimostrano di saper vincere anche nel pantano. E’ forse la notizia migliore, assieme ai 3 punti che consolidano la terza posizione.

  • Giornalista classe 90', da sempre innamorato della radio, ho diretto per 3 anni RadioLuiss e collaborato con varie emittenti in qualità di conduttore. Attualmente mi occupo di comunicazione d'impresa e rapporti istituzionali. Pallavolista da una vita, calciofilo per amore, appassionato di politica e linguaggi radiotelevisivi, nella mia camera convivono i poster di Angela Merkel, Karch Kiraly e Luciano Spalletti.

Ti potrebbe interessare

Al ritmo di Enzo Le Fée

Il 2000 francese mostrerà a Roma lo stesso potenziale intravisto a Lorient?

Il maggio di Serie A in cinque meme

Assieme alla pagina Instagram Pitch/fork ripercorriamo l'ultimo mese del nostro campionato.

Guida ai playoff di Serie B

Sei squadre e un solo posto per tornare in Serie A.

Finalmente Svilar

L'ascesa del portiere ha cambiato la stagione della Roma.

Dallo stesso autore

Mondiale 2022: guida al Belgio

La "Last Dance" per la generazione d'oro dei diavoli rossi. Riuscirà il Belgio a concretizzare quanto di buono costruito e fatto vedere in questi anni?

"Speravo de morì prima" è una serie che lascia interdetti

Una serie con spunti interessanti, momenti cringe e ossessionata da Luciano Spalletti.

Le 10 canzoni più brutte del Festival di Sanremo

Il peggio del peggio di 70 edizioni della kermesse canora più famosa d'Italia.

Lo scudetto di Erdogan

Alla scoperta dell'Istanbul Başakşehir.
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu