Interventi a gamba tesa

Considerazioni sparse post Tottenham-Leeds (3-0)


Il Leeds è commovente, il Tottenham ha due fuoriclasse.


– Bisogna essere onesti. Per quanto il Leeds sia commovente per spirito e capacità di creare occasioni da gol, ci sembra assurdo che questo gruppo si trovi al momento davanti in classifica a squadre come Arsenal e Wolverhampton. Bielsa sta facendo un lavorone, ma per quanto visto oggi e in qualche altra occasione non c’è un giocatore che sia uno che ci sentiremmo di consigliare ad un top team europeo. Neanche in ottica futura;

– Finita questa piccola premessa, il Leeds ha giocato un gran primo tempo. Impossibile non notare la voglia di incidere e determinare di questi ragazzi, capaci in ogni azione offensiva di riempire l’area con 5 se non 6 giocatori. Impossibile però non notare anche l’inadeguatezza per certi palcoscenici nell’ultima giocata: sia che si trattasse del passaggio finale o del tiro. Per rendere l’idea: chi scrive avrebbe parecchi dubbi nello scambiare il tanto decantato Bamford con un Simy del Crotone;

– Nel secondo tempo gli uomini del Loco si sciolgono come neve al sole ed è bravo il Tottenham a chiudere subito la partita con Alderweild. Tra i padroni di casa, oltre al duo d’attacco, ottima la prestazione di Højbjerg. Nel Leeds Harrison fa vedere le cose più interessanti, Phillips è invece il più continuo;

– Il Tottenham, nel bene e nel male, ha una sua identità, e per questo risulterebbe forse sbagliato chiedere altro. È una squadra solida, capace di difendere bassa con ordine e grande applicazione. E attenzione: saperlo fare anche per lunghe fasi dell’incontro deve essere visto come un merito. In un campionato di livello altissimo come quello inglese però, la squadra di Mourinho per entrare nelle prime 4 – obiettivo ampiamente alla portata – deve assolutamente migliorare nella gestione del pallone, troppo spesso frettolosa e improvvisata. Se cala un attimo lo stato di forma dei due mostri davanti, potrebbe farsi dura;

– A proposito di Son e Kane. Il primo ha festeggiato oggi il suo centesimo gol in 253 partite in maglia Spurs. Il secondo ha invece giocato una partita totale, condita dal suo decimo gol in 15 partite di Premier e da un assist stupendo per il coreano, diventando l’unico calciatore nei migliori campionati europei ad aver già raggiunto la doppia cifra sia nei gol che negli assist in questa stagione. Coppia d’attacco fantastica.

Lorenzo Lari, nato a Rimini l'11/06/1990. Laureato in Giurisprudenza, adora disquisire di sport ed America. Ogni tanto scrive, solitamente legge. Sogna un giorno di poter assistere ad una partita allo Staples al fianco di Jack Nicholson.