Article image
,
4 min

- di Luca Ramberti

Considerazioni sparse sul Fantacalcio post 14a giornata di Serie A


Theo Hernandez è attualmente il miglior difensore del Fantacalcio.


- La quattordicesima giornata di Serie A ci ha fatto trovare 3 grosse sorprese sotto l’albero: i pareggi di Atalanta e Napoli e soprattutto il tonfo della Juventus. Come la logica dello spacchettamento dei regali impone, partiamo dalle sorprese più piccole. Il Napoli contro il Torino non solo non è riuscito a vincere, ma è stato ad una manciata di secondi dal perdere la partita. Sintomo di una gara giocata male è la miriade di insufficienze prese dai giocatori azzurri: Politano e Petagna i peggiori con un 5 in pagella, ben sette i 5.5, di cui tre macchiati anche dal cartellino giallo. A salvarsi, oltre all’autore del goal Insigne (7), i soliti Lozano e Zielinski, oltre che Mario Rui e Manolas. Ah, è entrato anche Llorente. 1 presenza in 1 anno per lui, le stesse di Babbo Natale. Va meglio (anzi, va meno peggio) all’Atalanta, che sì si porta a casa un pareggio deludente contro un Bologna in difficoltà, ma la prestazione tutto sommato c’è stata e la sfortuna pure. Rispetto al Napoli molte meno insufficienze e tutte da 5.5, dispiace però che vengano prese da gente come Gosens (che si “regala” anche il cartellino giallo risultando il peggiore dei suoi) e Zapata, oramai un abbonato dell’insufficienza. I numeri per lui sono impietosi e ad oggi è probabilmente la più grande condanna dell’asta di inizio anno. Molto bene invece Muriel e Ilicic, il primo torna a segnare, il secondo torna a far segnare. Malissimo la Juventus, in particolare i difensori: Sandro 3, Cuadrado 3, Bonucci 4,5, De Ligt 5,5, unico a salvarsi Danilo che si prenderebbe anche un 6, ma pervaso da un ammirevole spirito natalizio decide di farsi ammonire per non essere da meno. Per il resto tra centrocampo e attacco tanti 6 e qualche altro 5.5, sinonimo di impegno, ma di una partita ormai compromessa dai colleghi alle loro spalle;

- Tanti demeriti per la retroguardia bianconera, altrettanti meriti per i giocatori viola. Gradito ritorno per Biraghi, che strappa un 7.5 non appena è ritornato a fare il fluidificante in un sistema a 3 dietro. Viste le non brillanti prestazioni precedenti offerte come quarto di sinistra, sembrerebbe non casuale il ritorno ad un bel voto contestualmente al ritorno al vecchio modulo. Graditissimo il ritorno di Ribery, 7.5 anche per lui e un assist degno dei tempi migliori. Ormai non possiamo più parlare di ritorno per Vlahovic, al terzo goal in 3 partite e un posto da titolare che sembra ormai essere il suo. Intanto stiamo collaborando con Adam Kadmon per cercare di capire dove diavolo siano finiti Callejon e Martinez Quarta (quest’ultimo addirittura superato da Igor e il rottamabile Caceres). Che sia il caso di svincolarli il prima possibile? MISTERO;

- Che belle squadre che sono Milan e Roma. Talmente belle che le si perdona anche qualche goal subìto di troppo. Theo Hernandez è attualmente il miglior difensore del fantacalcio. 4 Goal, 3 assist e una Fanta Media Voto del 7.58, secondo solo ad Hakimi, che ha gli stessi identici bonus ma una Fanta Media voto del 7.62. In questo caso il rapporto qualità/prezzo fa la differenza, avendo il terzino nerazzurro una media rango più alta di quella del rossonero. Sulla sponda giallorossa Jordan Veretout sta facendo fantacalcisticamente “una stagione della Madonna” tanto da essere stato scelto come Maria nel Presepe Fantacalcistico 2020.tanto da essere stato scelto come Maria nel Presepe Fantacalcistico 2020. Per lui Fanta Media voto dell’8.08 ma soprattutto ben 7 goal e 1 assist in 13 partite! Numeri da attaccante. Durante questa giornata le due squadre si sono un po’ invertite le parti, nel senso che tendenzialmente la Roma alterna giornate con voti alti a giornate con voti bassi, mentre il Milan ha dimostrato una certa omogeneità nelle sufficienze. Questa volta il Milan ha vinto con i singoli (Calhanoglu e Hernandez su tutti) nonostante i tanti 5,5 portati a casa dai compagni, mentre la Roma ha suonato uno spartito di squadra, con qualche piacevole tenore;

- La spiegazione è da trovarsi probabilmente nelle avversarie dei rossoneri e giallorossi. La Lazio è squadra tosta e lo dimostrano i bei voti presi da tutti i giocatori, mediamente più alti anche di quelli del Milan. La colpa dei biancocelesti è stata di fermarsi a prestazioni non oltre il 6,5. A volte basta per vincere, altre volte no. Di contro il Cagliari si riassume nel solo Joao Pedro, che contro ogni pronostico si sta rivelando conferma e non meteora del Fantacalcio dopo una stagione da protagonista lo scorso anno. Tolto lui, tante, troppe bocciature per una squadra da “vorrei ma non posso”.

- Sull’Inter ci siamo stufati di dire sempre la stessa cosa: il gioco che esprime non consente ai giocatori di esaltarsi con prestazioni da 8 in pagella, ma l’organizzazione tattica permette di fare raramente brutte figure. Se avete bisogno di sostanza potete contare su molti neroazzurri, soprattutto i difensori. Skriniar, De Vrij e Hakimi sono delle certezze, lo sarebbe anche Bastoni che però questa giornata incappa in un 5.5 + giallo. Oramai certezza non lo è più Young e rischia di esserlo sempre meno Handanovic. Le prestazioni da 7 in pagella ad ogni partita sono oramai un lontano ricordo anche se è presto per bocciarlo definitivamente. Nel Sassuolo Caputo torna titolare e ritrova subito il goal, mentre il buco lasciato da Djuricic è stato ben coperto da Traorè, con una prestazione da 7,5 condita con il secondo goal nelle ultime 3 giornate. La sensazione è che dopo la pausa si possa tornare a vedere il Sassuolo più spumeggiante di inizio anno. In mezzo alla classifica c’è un Benevento che ha dato in dote a questo Fantacalcio 3 nomi che stanno veramente facendo la differenza in tutte le leghe: Letizia, l’uomo più sotto i riflettori in questo Benevento per via dei 3 goal fatti fino ad ora, Glik (nelle ultime 6 giornate ha preso un 6, cinque 6,5 e un 7) e Schiattarella (nelle ultime 5 giornate ha preso due 7, due 6.5 e un 8.5). Onore a loro e a chi li ha acquistati.

ULTIME CONSIDERAZIONI SPARSE

Grande appassionato di calcio e di fantacalcio. Si lascia incantare da giocatori mediocri (a detta di altri) che considera sottovalutati. Considera D’Ambrosio il miglior terzino destro della serie A, forse della storia ma c’è un ballottaggio con Zé Maria. Diffida di chiunque consideri il 3-4-3 il miglior modulo fantacalcistico. Gli piace considerarsi calcisticamente un centrocampista a metà tra Gattuso e Pirlo, nel senso che ha il piede di Gattuso e la grinta di Pirlo. Ha aperto una petizione per inserire il tiro da fuori di Stankovic tra le Meraviglie del Mondo.

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
clockcrossmenu