Logo Sportellate
, 29 Novembre 2020

Considerazioni sparse post Milan-Fiorentina (2-0)


Il Milan è nel mood "Fuga per la vittoria". 


L’approccio alla gara del Milan è da grande squadra. Nonostante l’assenza di Bennacer, che all’ultimo momento va a sommarsi a quella di Ibrahimovic, i rossoneri entrano in campo con la consueta voglia di prendere in mano subito la partita e soltanto un errore dal dischetto di Kessié impedisce loro di andare negli spogliatoi con addirittura tre reti di vantaggio. Nella ripresa, la gestione del risultato è quella di chi sa cosa fare e dove vuole arrivare;

- Di contro, la Fiorentina sembra avere dei grossi problemi di fiducia in questo momento. L’idea di giocarsi la partita sfruttando le ripartenze è anche giusta, ma in molte situazioni, soprattutto nel primo tempo, sembra che i giocatori viola non vedano l’ora di liberarsi del pallone, come se avessero paura di prendersi la responsabilità di qualsiasi cosa;

- Dopo un mese di smarrimento, oggi s’è rivisto il migliore Calhanoglu. Soltanto un pizzico di sfortuna gli ha impedito di entrare nella lista dei marcatori, ma la sua prestazione è tornata ad essere di alto livello, ritrovando in assenza dello svedese il ruolo di leader tecnico della squadra. Oltre alla sua prova, va sottolineata quella di Saelemaekers: un giocatore che cresce di partita in partita. Tecnicamente è meno dotato di altri, ma si mangia letteralmente la fascia destra per novanta minuti, rivelandosi prezioso sia in fase difensiva, che offensiva;

Tra i viola sono da segnalare le prestazioni di Vlahovic e Ribery, due giocatori anagraficamente opposti che sono riusciti a distinguersi in positivo rispetto ai compagni di squadra. Il primo è andato vicino alla rete nel primo tempo, servito proprio dal francese, a cui poi ha provato a restituire il favore ad inizio ripresa lanciandolo in contropiede a tu per tu col portiere avversario, che deve superarsi per fermarlo. Prandelli, che avrà molto da lavorare sulla testa dei suoi giocatori, sa che potrà ripartire da loro due; 

- Il risultato finale è indiscutibile e porta il Milan a staccarsi in vetta per provare la prima mini-fuga di questo campionato, con cinque punti di vantaggio sulla coppia formata da Inter e Sassuolo in attesa della partita di questa sera della Roma. È prestissimo per parlare di ambizioni da scudetto, ma la cosa certa è che il salto di qualità per giocarsi un posto nella prossima Champions League è ormai certificato da ben venti risultati utili consecutivi in campionato.

 

  • Matteo Tencaioli. Classe 1980, da sempre diviso tra la professione di programmatore e l'amore per il giornalismo. Ama parlare di sport, in particolare di calcio e tennis. Conteso tra lavoro e famiglia, suo più grande amore, fa a sportellate tutti i giorni con il sonno per trovare il tempo di coltivare anche le proprie passioni.

Ti potrebbe interessare

7 cose che ci mancheranno del Sassuolo

La retrocessione del Sassuolo in Serie B è ormai matematica. Quali elementi hanno reso i neroverdi una squadra peculiare e (forse) irripetibile?

Attenti a Saelemaekers

Il giocatore più odiato del Bologna, ma anche quello più vivace.

Le squadre di calcio hanno un DNA?

Un argomento sempre più sulla bocca di club e tifosi.

Il futuro di Kamada è ancora da scrivere

Il trequartista giapponese ha vissuto una stagione travagliata.

Dallo stesso autore

Mondiale 2022: guida al Portogallo

Come al solito, il Portogallo arriva al Mondiale con le […]
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu