Interventi a gamba tesa

Considerazioni sparse post Liverpool-Atalanta (0-2)


L’Atalanta si riscopre Dea nel tempio di Anfield. E torna a sorridere insieme a Josip Ilicic. 


– È FINITA! Un urlo forte, per un’Atalanta sontuosa. Spettacolare, perfetta. Un’Atalanta che nel peggior momento degli ultimi quattro anni va ad Anfield e insegna calcio, a tratti domina sul Liverpool padrone di casa e esce con tre punti da uno degli stadi più prestigiosi al mondo. Lancia un segnale all‘Ajax per il secondo posto del girone, ma anche alle concorrenti in campionato: l’Atalanta di Gasperini non è finita, l’Atalanta di Gasperini c’è ancora;

– Splendido che in una notte magica come questa sia Ilicic a sbloccare la partita. Non segnava dal poker rifilato al Valencia nel ritorno degli ottavi di Champions, edizione 2019-2020. Si butta su quel cross come fosse l’ultimo da prendere dopo una lunga carriera, la mette alle spalle di Alisson e finalmente torna a sorridere per davvero. E tutti noi sorridiamo con lui;

– Ma che giocatore è Cristian Romero? L’investimento per il futuro della difesa dell’Atalanta, questa sera ha annullato Origi, costringendo Klopp a sostituirlo. Entrato Jota e Firmino non è cambiato nulla: ha annullato anche loro. Sempre in anticipo, il primo a rilanciare l’azione d’attacco. L’ennesimo colpo sul mercato di una società che sta al passo con la squadra, diventando tutti gli effetti una società da Champions;

– Impossibile non citare la prestazione di Matteo Pessina, schierato a sorpresa tra le linee. Fondamentale in fase di costruzione con i suoi movimenti, un po’ incontro al portatore e un po’ alle spalle della difesa, per farla muovere e aprire gli spazi ai compagni più tecnici. Bravissimo, la sensazione è che Gasperini punterà sempre più su di lui, ma anche il CT Mancini lo osserva con grande attenzione;

– Attenzione, però: è vero che il Liverpool aveva delle assenze, ma centrocampo e attacco vedeva schierati i titolatissimi. E, soprattutto, a partita in corso Klopp si è potuto permettere di mandare in campo giocatori come Jota, Firmimo, Fabinho. Non è cambiato nulla, era ormai troppo tardi. Sarebbe stato troppo tardi anche facendo i cambi all’intervallo, l’Atalanta questa sera è stata troppo perfetta. Troppo, sì, anche per una squadra come il Liverpool.

Racconto l’Atalanta su Bergamo TV e su L’Eco di Bergamo. Fanatico delle statistiche, amante del calcio e delle sue polemiche, senza mai prendersi troppo sul serio.