Logo Sportellate

Considerazioni sparse sul Fantacalcio post 8a giornata di Serie A


Se il fantacalcio fosse lo zodiaco, Paolo Fox metterebbe la Roma tra i segni positivi del mese.


- Questa ottava giornata di Serie A da un lato conferma la facilità che hanno alcune squadre a segnare, mentre dall’altro presenta tanti cleen sheet in più rispetto al trend di inizio stagione. Sono infatti ben 8 i portieri che non hanno portato a casa nessun malus in questa ultima giornata di Serie A, e, se potevamo aspettarci di trovare in questa lista i nomi di Musso, Buffon, Gollini, e Reina, sorprendono quelli di Provedel e Vigorito. Piacevoli conferme per Mirante e Consigli, le cui possibilità di non incassare nemmeno un goal corrispondevano ad un lancio di moneta. Male Perin che si porta a casa un 3,5 contro una squadra – l’Udinese - che di certo non si è dimostrata, ad oggi, una macchina da goal;

- È interessante vedere come le due Milanesi stiano dando un contributo diametralmente opposto in termini di voti a noi fantallenatori. L’Inter è una squadra di soli promossi e bocciati. Riesce a portare bonus con tanti giocatori diversi, ma senza un goal o un assist a referto è difficile andare sopra il 6. In una partita vinta 4-2 infatti, togliendo Sanchez, Lautaro e Lukaku, nessuno degli altri 13 nerazzurri è riuscito a prendere 6,5. Discorso opposto per il Milan, che ha un grandissimo catalizzatore di bonus – Ibra - e dietro una dozzina di giocatori dalla media voto pura del 6,5. In questo caso, su 15 giocatori schierati, solo Romagnoli ha preso l’insufficienza (5,5). Per tutti gli altri, voti dal 6,5 in su (eccetto Saelemakers 6). Morale della favola, se in squadra avete in ballottaggio Vidal e Bennacer, sappiate che il primo potrebbe segnarvi o deludere, il secondo vi porterà a casa la pagnotta sempre, ma difficilmente prenderà un voto a due cifre;

- Se il Milan viene considerato tra le pretendenti scudetto, numeri alla mano dobbiamo giocoforza considerare anche la Roma. I giallorossi contro i crociati non portano a casa nessuna insufficienza, non un dato su cui molti avrebbero scommesso, visto che da un lato c’era qualche incertezza (leggasi Karsdorp, Villar, Cristante difensore, l’assenza di Dzeko) e dall’altro avversari ostici come Gervinho & Co. Spesso è importante capire lo stato di forma delle diverse squadre nel corso della stagione, e questo periodo sembra essere particolarmente positivo per i giocatori giallorossi. Se il fantacalcio fosse lo zodiaco, Paolo Fox metterebbe la Roma tra i segni positivi del mese, ed in particolare Mkhitaryan e Mayoral sembrano avere il sole in fase crescente (qualsiasi cosa voglia dire);

- Forse una delle Juventus più convincenti dell’era Pirlo vince contro un Cagliari offensivo solo sulla carta, ma di fatto il 4-3-3 (o 4-2-3-1) di Di Francesco non ha mai impensierito i bianconeri, tanto da terminare i 90 minuti di gioco con 2 tiri di cui 0 nello specchio della porta. L’impressione è che per Cristiano Ronaldo si possa ribadire quanto detto su Ibra. Con lui (loro) in campo, si alza la media voto di tutta la squadra, ma scordatevi valanghe di bonus da altri nomi se non il loro. C’è curiosità nel conoscere quanti minuti giocheranno De Ligt e Demiral a discapito di Bonucci e Chiellini e potrebbero essere più di quelli che ci si possa aspettare. Curiosità c’è anche nel conoscere i destini di Bernardeschi e Dybala: il primo ieri è partito titolare come se ci fosse un tentativo di recuperarlo, mentre il secondo ha giocato 20 minuti. Che il primo possa rendere più del previsto e il secondo meno di quanto preventivato? Può essere, in entrambi i casi forse, le aspettative su entrambi, agli estremi opposti, erano sbagliate dal principio;

- Disastroso l’esordio di Prandelli con la Fiorentina, che tradisce le aspettative di migliaia di fantallenatori, specie negli uomini più chiacchierati per questo cambio di allenatore: Kouamè 5.5, Pulgar 5, Biraghi 4,5 + giallo, ma in generale deludono un po’ tutti, compresi gli uomini più rappresentativi Milenkovic e Ribery (entrambi 5). Discorso simile per l’Atalanta, che sembra aver perso la verve realizzativa dello scorso anno. Con l’ennesimo 5 in pagella, Ilicic dal suo rientro non ha ancora portato a casa una sufficienza, Muriel non riesce a trovare continuità (ieri nemmeno convocato), Zapata non segna e in generale tutta la squadra fatica a trovare bonus. Ne giova però una maggiore solidità difensiva, che rispecchia i bei voti di Romero (7) & Co, tutti promossi. Unico difensore insufficiente Piccini, che prende 5,5 come un po’ tutto il centrocampo bergamasco, compreso il Papu Gomez. Ora avremmo da raccontare ai nostri nipotini che nel 2020 abbiamo assistito a due eventi biblici: una pandemia mondiale e un’insufficienza del Papu.

  • Nato a Rimini il 2 dicembre 1991. Laureato in giurisprudenza in un caldo ottobre milanese del 2015. Attualmente fa a “sportellate” per ritagliarsi un posto come professionista nel mondo dell’avvocatura. Il suo cuore appartiene alla Romagna, al sinistro di Beppe Signori ed al calcio in generale, sport che pratica tra una distorsione e l’altra. Ha scritto di calcio per “Discorsivo.it” e condotto la radiocronaca di numerose partite alla playstation. Sogna di segnare su punizione a San Siro (magari alla juve).

Ti potrebbe interessare

Tutino è diventato un totem

L'attaccante del Cosenza ha brillato in questa stagione.

Cole Palmer non sente la pressione

L'esterno del Chelsea è stato votato miglior giovane della Premier League.

Guida ai playoff di Serie B

Sei squadre e un solo posto per tornare in Serie A.

Attenti a Saelemaekers

Il giocatore più odiato del Bologna, ma anche quello più vivace.

Dallo stesso autore

Intervista a Pietro Razzini, fondatore di Piutre

Oggi abbiamo la fortuna ed il piacere di avere ospite […]
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu