Interventi a gamba tesa

Why do we love Football? Chapter One: Detroit FC


Questo che con l’intervista di oggi inizia, vuol essere un viaggio tra alcune delle realtà più significative del calcio popolare.


Un buon comunista non è soltanto quello che si apre il petto contro la borghesia e si riempie la bocca di parole come dittatura del proletariato, ma pure chi ha una visione globale di quello che sta succedendo, e di quello che dovrebbe succedere a beneficio della classe operaia

(Manuel Vázquez Montalbán, Assassinio al Comitato Centrale)

Prima di “partire” sarebbe il caso di dare una risposta alla domanda: cos’è il calcio popolare? Orbene, potremmo sciorinare sofismi e partorire i più intricati arzigogoli letterari e verbali nel tentativo, vano, di distillare una definizione che, però, in fondo non riuscirebbe a coglierne l’essenza.

Perché? Perché il calcio è per sua natura stessa popolare: nasce dalla e nella working class e viene sostenuto, fisicamente ed economicamente, dalla working class (ma non solo, vero).

Il calcio, dunque, diventa un mezzo e non un fine: un mezzo per emanciparsi dalla realtà lavorativa quotidiana, dal lavoro salariato, una fuga dal “produci, consuma, crepa”. Un mezzo di rivalsa sociale perché, come paradossalmente ci viene detto nello spot FIFA “On the pitch we are all the same”. Ed è, forse, questo potere egalitario, astraente e liberatorio che rende questo Gioco come uno dei più formidabili mezzi di riscatto sociale, a tutte le latitudini, su ogni terreno, in ogni modo possibile.

Primo capitolo di questo viaggio alle origini del gioco: il Detroit FC.

Perchè una squadra statunitense? Perchè gli Stati Uniti, da qualche anno a questa parte, sono in pieno fermento politico e sociale e riescono a fornire a noi cittadini del vecchio continente, stanchi, forse annoiati e edonisticamente legati ai fasti del passato, nuove chiavi di lettura del mondo contemporaneo. In senso più strettamente fùtbolistico, come vi dirà Alex Wright – co founder della squadra – qui appresso, il loro modo di leggere il gioco rilegge le radici del Gioco in chiave contemporanea, perché il Calcio è “un linguaggio universale composto da 3 miliardi di dialetti”.

Buon viaggio.

(n.d.a.: tutte le interviste saranno prima presentate nella versione italiana e poi in lingua originale)

Salve Alex. Partiamo dagli inizi: da dove è nata l’idea di fondare la squadra?

I 5 fondatori del club sono tutti appassionati di calcio e si sono incontrati nel 2010. Abbiamo iniziato giocando in un campionato di calcio amatoriale per uomini e donne che vivono nella città di Detroit. Nella maggior parte delle città degli stati uniti, queste leghe sono comuni, ma al momento erano una novita’ per detroit. Ogni squadra rappresenta un diverso quartiere della città, e dopo le partite, le squadre prendevano parte ad una festa ospitata ed organizzata da una diversa squadra ogni settimana. La lega è diventata molto popolare, con più di 2000 partecipanti maschili e femminili. In quel momento ci siamo resi conto che, se avessimo creato una squadra di semiprofessionisti, avremmo potuto attirare 200 o 300 di questi partecipanti. Abbiamo preso la palla al balzo e investito qualche migliaia di dollari ed ecco arrivati al 2012, l’anno della nostra prima stagione. Anche il nostro primo anno il sostegno del pubblico ha superato le nostre aspettative. Per rendere l’idea: avemmo oltre 1000 persone alla prima partita!

La Squadra è stata fondata nel 2012, solo 8 anni fa, ma so che ha già raggiunto una buona notorietà: hai un’idea del perché è successo?

Il gioco e’ estremamente popolare a Detroit e nelle periferie che lo circondano. Abbiamo 4 squadre professioniste in citta’ e 2 nei principali college nelle vicinanze. Tuttavia, nessun club di calcio e’ riuscito a godere di un certo successo fino ad ora. molti dei precedenti tentativi di portare il calcio in città furono cinici, aziendali e antisettici. Al contrario, i principi fondamentali del DCFC (detroit city football club n.d.a.) erano focalizzati sul miglioramento della nostra comunità e sulla promozione della cultura autentica del sostenitore di calcio. Il calcio era pronto per attecchire a Detroit, ma i valori dei nostri club sono quelli che ci hanno reso sostenibili ed attraenti.

Avete uno stadio con una capienza di circa 8000 persone che è sempre pieno, che soddisfazione si prova nel vederlo sempre così?

Quando il keyworth stadium è sold out è un’esperienza elettrificante. Ok, saremo di parte, ma secondo noi è il posto migliore per guardare una partita di calcio negli usa. a qualsiasi livello. Siamo estremamente grati per l’impegno dei nostri sostenitori. I nostri tifosi e il nostro personale hanno aiutato letteralmente a costruire il club a mani nude e l’atmosfera che si prova ad ogni giornata ed ogni partita è una celebrazione di quello sforzo.

detroit fc

“Passione per la nostra città, passione per il gioco”, sembra banale, ma per i tempi che corrono non lo è: parlatemi del vostro motto.

Esprimiamo la nostra passione per la nostra città attraverso i valori del nostro team per rendere la nostra comunità un luogo migliore e più equo per tutti quelli chi ci vivono. Vogliamo fare in modo che la nostra città e le sue persone vengano mostrate all’esterno sempre in una luce positiva.

Esprimiamo la nostra passione per il gioco favorendo una cultura che condivida i valori del nostro club e il nostro amore per il gioco del calcio. Negli ultimi anni ci siamo impegnati a far crescere il calcio a detroit aggiungendo una squadra femminile e fondando un sistema giovanile, che è sovvenzionato in modo tale che a nessun giocatore giovane possa essere impedito di giocare a causa della mancanza di fondi.

Ditemi delle vostre radici: soddisfare la domanda di calcio a Detroit, come pensate di intercettarla?

Il calcio è lo sport in più veloce in crescita negli usa e, per via della popolarità della coppa del mondo, dei campionati internazionali come la serie a e l’ascesa dei videogiochi, il calcio è una parte sempre più ampia della cultura statunitense. In questo senso, siamo beneficiari di un momento culturale più ampio. Inoltre, molte delle generazioni più giovani che vivono e lavorano in citta’ sono cresciute stanche dei costi e della cultura dei team professionali esistenti. Hanno fame di una connessione più profonda con un club e si aspettano un’atmosfera più appassionata di quanto consentono le altre squadre.

la nuova generazione di sostenitori sportivi si aspetta anche che le loro squadre  siano qualcosa in più di un marchio vuoto. Queste sono persone che si prendono cura del mondo, della città, delle loro comunità e rispondono positivamente ai club che riflettono questi valori che sostengono. Valori come onorare tutte le persone e sostenere quelle più vulnerabili nella nostra comunità.

“Rappresentare la città in una luce positiva”. So che Detroit è stata una delle città degli Stati Uniti più colpite dalla crisi del 2008, state cercando, attraverso il calcio, di cambiare l’idea che ha la gente della vostra città?

Detroit affronta molte sfide e il giocare e vincere le partite di calcio non fa molto per aiutare a risolvere i grandi problemi della giornata. Tuttavia, siamo privilegiati ad avere la “piattaforma” che abbiamo e ci dedichiamo ad essa per rendere la nostra comunità un posto migliore. Per esempio, stiamo promuovendo le aziende locali per incoraggiare i nostri fan a sostenere le piccole imprese che lottano in questo momento. A sostegno del processo democratico, abbiamo condotto uno sforzo per assumere i nostri sostenitori, personale e giocatori per fare volontariato come lavoratori di sostegno. Inoltre, siamo orgogliosi di sostenere i nostri giocatori che hanno parlato e raccolto fondi a sostegno delle proteste del black lives mattare quest’estate contro la brutalità della polizia.

Costruire una comunità attraverso “il bel gioco”: come ci state riuscendo?

Lo sport gioca un ruolo fondamentale nella nostra cultura per migliorare le persone. A partire dai nostri inizi nella lega dilettantistica, la DCFC è sempre stata definita come un’esperienza sociale tanto quanto atletica. In questi tempi di forte ansia e di politica divisa, cerchiamo di costruire la comunità attraverso una passione comune per il club. Quando le persone si trovano insieme a sostegno di un club di calcio, spesso scoprono di avere più in comune di quanto si immagini.

Cosa pensi sia il calcio?

IL CALCIO È UNA LINGUA UNIVERSALE CON 3 MILIARDI DI DIALETTI.

Ci stiamo avviando verso l’elezione di Biden come Presidente degli Stati Uniti, pensa che possa rappresentare una svolta? (n.d.a. Biden è stato eletto al momento della pubblicazione dell’intervista quale 46° Presidente degli Stati Uniti D’America)

Il problema piu ‘importante che deve affrontare il nostro paese oggi è la pandemia. La nostra attività potrebbe non sopravvivere se dovessimo ancora essere forzati a giocare senza pubblico sugli spalti per un’altra stagione. Per superare questo virus, il futuro richiederà leadership impegnata, strategia scientifica e sforzi di rilievo. Trump ha dimostrato di essere un codardo e un leader incapace. credo che l’amministrazione biden darà al nostro paese una svolta positiva.

In che modo 4 anni di presidenza Trump hanno influenzato la città di Detroit?

AD OGGI, 1.236 CITTADINI DI DETROIT SONO MORTI DI COVID. NON MI VA DI AGGIUNGERE ALTRO.

Qual è il vostro modello di riferimento per la gestione del calcio?

La nostra proprietà è fortunata ad avere assunto Trevor James come direttore generale e allenatore. Trevor ha esperienza con molte squadre mls, oltre ai club internazionali e alla nazionale inglese. Ha lavorato sotto Sir Bobby Robson in Inghilterra. In breve, è il nostro modello di riferimento e ha fatto un lavoro spettacolare per noi nelle ultime due stagioni in circostanze molto difficili.

Cosa ne pensi del calcio moderno?

Finanziariamente, il calcio moderno è cresciuto in modo simile alle leghe professionistiche americane. La qualità del gioco è aumentata e la qualità della copertura tv e web ha reso molto più facile per lo sport connettersi con nuovi tifosi. tuttavia questa connessione è anche vulnerabile alla corporativizzazione del gioco, in quanto i costi elevati possono diventare un ostacolo alla creazione di una connessione emotiva con un team o un club. Quanto all’evoluzione del gioco stesso, non mi considero abbastanza esperto del gioco per parlarne! mi dispiace!

Credete che il calcio appartenga al popolo e debba tornare ad esso vero?

Credo che il rapporto fondamentale tra individui e sport sia all’inizio di una rivoluzione. i nostri nipoti seguono lo sport come lo conosciamo? giocheranno a giochi reali o videogiochi? lo sport verrà abbandonato, con una prima categoria e un campionato giovanile brillante ma nulla nel centro? a quelli di noi che si sentono offesi da questo pensiero dico: dobbiamo farci queste domande costantemente. Qual è il ruolo di una società sportiva nella vita di una famiglia, di una comunità, di una città, di un paese? come possiamo aspettarci che le persone dedichino il loro tempo e denaro a un club che potrebbe spostarsi in una nuova città per il vezzo di un proprietario milionario?

I giovani sono arrivati ad aspettarsi che i brand che sostengono riflettono i loro valori, come sapranno i team della prima divisione affrontare queste aspettative? e se nell’epoca attuale, un club non potesse piu rappresentare tutto per tutti  e dovesse invece “partecipare alla conversazione” come opposto per sopraffarlo?

Certamente il calcio appartiene al popolo, ma il calcio appartiene anche letteralmente ai ladri proprietari.  ma preferisco parlare solo in modo specifico di DCFC. Abbiamo 6 principali proprietari, ma anche il 10% del club di proprieta’ pubblica posseduto dai nostri sostenitori. Crediamo in un modello che permetta a un club di essere agile, con una leadership illuminata, con valori condivisi e un impegno per la responsabilità economica, un calcio vincente che favorisca un vero rapporto tra il club e i sostenitori.

Saprete che un club e’ di successo perché vive sui fondatori, sui proprietari e sui sostenitori; questi sono in realtà i traghettatori di una tradizione e di una cultura tramandata di generazione in generazione. Questo è quello che stiamo cercando di fare a detroit.

Cosa state facendo perché ciò accada?

RENDERE DISPONIBILE AL PUBBLICO UNA PERCENTUALE DEL CLUB.

MANTENERE I PREZZI DEI BIGLIETTI CONVENIENTI.

SOSTENERE LE AZIENDE LOCALI E LE ONLUS.

ASSUMERE DIPENDENTI CHE RIFLETTONO LA COMUNITÀ IN CUI VIVI

FAVORIRE EGUALMENTE UOMINI E DONNE

COSTRUIRE UN SISTEMA PER I GIOVANI DI CUI QUALSIASI BAMBINO POSSA FAR PARTE

COMUNICARE SEMPRE IN MODO CHIARO E ONESTO CON I PROPRI SOSTENITORI

POTER COMMETTERE ERRORI MA AVERE, AL CONTEMPO, LA FORZA E IL CARATTERE PER IMPARARE DA QUESTI.

La Northern Guard, i vostri ultras, hanno come valori fondanti l’antifascismo, l’antirazzismo e il superamento delle barriere di genere: vi riconoscete in questi valori?

LA NORTHERN GUARD È IL MIGLIOR GRUPPO DI SOSTENITORI NEGLI USA. LI SOSTENIAMO INTERAMENTE CON TUTTO IL CUORE !

detroit fc detroit fc

Cosa rappresenta il movimento Black Lives Matter per la città di Detroit?

Vorrei incoraggiarvi a guardare la presentazione dei nostri giocatori durante l’estate – è sul nostro feed twitter – parlano di BLM con passione e siamo orgogliosi di sostenerli.

Le proteste del BLM si sono svolte per tutta l’estate a detroit. Rappresentano una pacifica richiesta di azione in risposta ai molti uomini e donne neri che sono stati assassinati dalla polizia in america.

Ho letto della vostra iniziativa “Small Biz City: Aiutaci a sostenere le piccole attività!“: puoi dirmi nello specifico di cosa si tratta? Organizzate altre iniziative di beneficenza per sostenere la comunità di Detroit durante questo periodo di pandemia?

Puoi seguire il programma small biz sul nostro twitter. Semplicemente utilizziamo la nostra piattaforma per aiutare a promuovere molte delle piccole aziende della nostra comunità. Molti di questi sono di proprietà di piccoli imprenditori e senza il supporto della comunità siamo tutti a rischio di perdere la nostra attività, quindi facciamo la nostra parte per assicurarci che nessuna attivita’, per quanto piccola, sia dimenticata.

Per chiudere: come può la comunità di Detroit cambiare “grazie” a questa crisi? E come il calcio potrebbe aiutare questo cambiamento?

CI VUOLE L’INTERA COMUNITÀ PER CAMBIARE. TI POSSO ASSICURARE CHE STIAMO FACENDO TUTTO QUANTO POSSIBILE PER INCORAGGIARE IL CAMBIAMENTO.


ENGLISH VERSION

Why begin from an US team? Because the United States, for some years now, has been in full political and social ferment and it is able to provide us, as citizens of the “old continent”, tired, perhaps bored and hedonistically linked to the glories of the past, with new interpretations of the contemporary world. In a more strictly fùtbolistic sense, as Alex Wright – co founder of the team – will say below, their way of reading the game reinterprets the roots of the game in a contemporary key, because, as said by Alex, football isa universal language made up of 3 billion dialects “.

Have a nice journey.

Where did the idea of founding the team come from?

The 5 founders of the club are all passionate fans of soccer and came together in 2010. we played in a recreational soccer league for men and women that lived in the city of detroit. In most cities in the u.s., these leagues are common, but at they time they were brand new to detroit. Each team would represent a different neighborhood of the city, and after the matches, the teams would attend a party hosted by a different team each week.

The league became very popular, with more than 2000 male and female participants. At that moment we realized that if we started a semi-pro men’s team we might draw 200 or 300 of those participants to the matches. We took a chance and invested a few thousand dollars and our first season was 2012. even in the first season the support exceeded our expectations. in fact, we drew over 1000 people at the very first match!

The team was founded in the 2012, only 8 years ago, but have reached a good notoriety, have you got an idea why this happened?

Sports are extremely popular in detroit and the suburbs that surround it. we have 4 professional teams, as well as 2 major colleges nearby. However, no soccer club has managed to enjoy sustained success until now. many of the previous attempts at bringing soccer to the city were cynical, corporate, and antiseptic. in contrast, the founding principles of dcfc were to focus on improving our community and to foster authentic soccer supporter culture. The time was right for soccer to come to detroit, but our progressive club values are what has made us sustainable.

You have a stadium with about 8000 people capacity that is always full, what satisfaction do you have to see it always like this?

Sports are extremely popular in detroit and the suburbs that surround it. We have 4 professional teams, as well as 2 major colleges nearby. However, no soccer club has managed to enjoy sustained success until now. many of the previous attempts at bringing soccer to the city were cynical, corporate, and antiseptic. in contrast, the founding principles of dcfc were to focus on improving our community and to foster authentic soccer supporter culture. The time was right for soccer to come to detroit, but our progressive club values are what has made us sustainable.

PASSION FOR OUR CITY, PASSION FOR THE GAME: tell me about your motto…

We express our passion for our city through our team values of making our community a better and more equitable place for all who live there. we are also dedicated to showing our city and it’s people in a positive light.

Detroit fc express our passion for the game by fostering a supporter culture that shares our club values and our love of the game of soccer. In recent years we have committed to growing the game in detroit by adding a women’s team and founding a youth system, which is subsidized in such a way that no youth player is prohibited from player due to lack of funds.

Tell me about your grassroots: satisfy the demand for soccer in downtown Detroit – how do you think you are intercepting it?

Soccer is the fastest growing sport in the usa, and because of the popularity of the world cup, international leagues such as serie a as well as the rise of video games, soccer is a larger part of american culture than it has ever been before. So in that sense, we are the beneficiaries of a larger cultural moment. Additionally, many of the younger generation living and working in the city of detroit have grown tired of the cost and culture of the existing professional teams. They hunger for a deeper connection to a club, and they expect a more passionate atmosphere than the other teams allow.

The next generation of sports supporters also expect their teams to be more than an empty brand. These are people that care about the world, the city, their communities and they respond positively to clubs that reflect those values they support. Values like honoring the humanity of all people and supporting those that are most vulnerable in our community.

Represent the city in a positive light” – I know Detroit was one of US cities most affected by the 2008 crisis, are you trying, through football, to change the idea of the city?

Detroit faces many challenges, and the fact is that playing and winning soccer matches does not do much to help solve the big problems of the day.

However, we are privileged to have the platform we do, and we are dedicated to using it to make our community a better place. For example, we are promoting local businesses to encourage our fans to support the small businesses that are struggling in this moment. In support of the democratic process, we led an effort to recruit our supporters, staff and players to volunteer as poll workers. Additionally, we are proud to support our players who spoke out and raised funds in support of the blm protests ths summer against police brutality.

Build community through “the beautiful game” – how you are building community?

Sports plays a vital role in our culture to bring diverse people together. Starting from our days as a recreational league, dcfc has always been defined as a social experience as much as an athletic one. In these times of high anxiety and divided politics, we look to build community through a common passion for the club. When people come together in support of a soccer club, oftentimes they find out they hae more in common than they ever imagined.

What do you think football is?

FOOTBALL IS A UNIVERSAL LANGUAGE WITH 3 BILLION DIALECTS.

We are moving towards the election of Biden as President of the United States, do you think it could represent a turning point?

The most important issue facing our country today is the covid pandemic. Our business may not survive if we are forced to play without fans in the stands for another season. To overcome this virus, the future will demand committed leadership, scientific strategy and compassionate relief efforts. Trump has shown himself to be a coward and an incapable leader. I believe a biden administration will give our country the best shot at a positive turning point

How did 4 years of Trump’s presidency affect the city of Detroit?

AS OF TODAY, 1.236 DETROITERS HAVE DIED OF COVID.

What is your football management reference model?

Our ownership is fortunate to have hired Trevor James as general manager and head coach. Trevor has experience with many mls teams, as well as international clubs and the english national team. He worked under sir bobby robson in england. In short, he is our reference model and he has done a spectacular job for us over the past two seasons in very difficult circumstances.

What do you think about the modern football?

Financially, modern football has grown similar to the american professional leagues. The quality of play has increased, and the quality of video coverage has made it much easier for the sport to connect with new fans. However that connection is also vulnerable to the corporatization of the game, as high costs can become an obstacle to creating an emotional connection to a team or cllub.

As for as the evolution of the game itself, i don’t consider myself enough of a student of the game to speak to that! mi dispiace!

Do you believe that football belongs to the people and it has to return back to them?

I believe that the fundamental relationship between individuals and sports is at the beginning of a revolution. will our grandchildren even follow sports as we know it? wish they play real games or video games? will the sport become hollowed out, with a thriving first league and thriving youth leagues but nothing in the middle? for those of us offended by that thought, we must be asking those questions constantly. what is the role of a sporting club in the life of a family, of a community, of a city, of a country? how can we expect people to dedicate their time and money to a club that could move to a new city on the whim of a billionaire owner?

Young people have come to expect the brands they support to reflect their values, how will the first division teams deal with that expectation?

What if in the coming era, a club cannot stand for all things to all people, and must instead join the conversation as opposed to hovering above it?

Of course football belongs to the people, but football also literally belongs to thie owners!! there are a myriad of proposals for what the best structure of team ownership or league ownership should be, but i can only speak specifically about dcfc.

We have 6 principle owners, but we also have 10% of the club in public ownership by our supporters. We believe in a model that allows for a club to be nimble, that is that has a streamlined leadership group with shared values and a commitment to fiscal responsibility and winning football and fosters a real relationship between the club and the supporters that are it’s lifeblood.

You will know a successful club because it outlives it’s founders, and its owners, and its supporters; those folks are in fact stewards of a tradition and a culture passed down from generation to generation. This is what we are trying to do in Detroit.

What do you do to make this happen?

MAKE A PERCENTAGE OF THE CLUB AVAILABLE TO THE PUBLIC.

KEEP TICKET PRICES AFFORDABLE.

SUPPORT LOCAL BUSINESSES AND CHARITIES

HIRE EMPLOYEES THAT REFLECT THE COMMUNITY YOU LIVE IN

FOSTER A MENS AND WOMENS SIDE

BUILD A YOUTH SYSTEM THAT ANY KID CAN AFFORD TO BE A PART OF

HAVE EXCEPTIONAL DESIGN AND CREATIVE WORK

ALWAYS COMMUNICATE CLEARLY AND HONESTLY WITH YOUR SUPPORTERS

ALLOW YOURSELF THE GRACE TO MAKE MISTAKES, AND THE STRENGTH OF CHARACTER TO LEARN FROM THEM.

The Northern Guard, your organized group of fans, has anti-fascism, anti-racism and overcoming gender barriers as its founding values: do you recognize yourselves in these values?

THE NORTHERN GUARD IS THE BEST SUPPORTER GROUP IN THE USA. WE SUPPORT THEM WHOLE HEARTEDLY!

detroit fc detroit fc

What does the Black Lives Matter movement represent for the city of Detroit?

I would encourage you to watch the presentation given by our players over the summer – it is on our twitter feed – they speak about blm with passion, and we are proud to support them.

BLM protests occurred throughout the summer in detroit. they represented a peaceful demand for action in response to the many black men and women who have been murdered by police in America.

I read about your initiative “Small Biz City: Help Us Support Small Business!”: can you tell me what it is? Are you organize other charity initiatives to support Detroit community during this pandemic period?

You can follow the small biz program on our twitter – simply put we are using our platform to help promote many of the small businesses in our community. Many of these are minority owned, and without the support of the community we are all at risk of losing our business, so we are doing our part to make sure no small business is forgotten.

How can the Detroit community change “thanks” to this crisis? And how Football could help this change?

It takes the entire community to change – we can make sure we are doing everything we can to encourage in the ways I mention above.


 

40 anni. Vivo a Bologna da 22 anni, sono pugliese di nascita ma con influenze genetiche sia napoletane che romane. Amo il Gioco del Fùtbol in tutte le sue nuance, tifo Lazio, ma le mie prime esperienze allo stadio sono state allo Zaccheria a seguire il Foggia di Zeman e, per influenze paterne, ho vissuto l'epopea del Napoli di Maradona a cui, emotivamente, sono legato. Amante della settima arte e della saga di Pepe Carvalho, nonchè di tutta la letteratura sudamericana, specialmente quella legata al Gioco (Soriano&Co.)