Logo Sportellate
, 7 Novembre 2020

Considerazioni sparse post Cagliari-Sampdoria (2-0)


Il nuovo Di Francesco vince e convince.


- Il primo tempo sembra la naturale prosecuzione di Sassuolo - Udinese di ieri sera: a parte la traversa di Joao Pedro, l'unica emozione arriva dall'espulsione di Augello. I portieri non vengono mai chiamati in causa ma, più che per merito delle difese, per demerito di attacchi pigri e imprecisi. La seconda frazione si fa più movimentata e il Cagliari la porta a casa meritatamente approfittando di ogni spazio lasciato dagli avversari;

- Il rosso ad Augello mette in luce la principale lacuna nella rosa blucerchiata, ovvero l'assenza di sostituti per i due terzini titolari. Così Ranieri si trova a dover adattare Bereszynski a sinistra e addirittura a spostare Candreva sulla linea dei quattro difensori per più di cinquanta minuti, perdendo un'arma importante per l'attacco e togliendo ulteriori sicurezze in fase difensiva;

- Il Cagliari gioca una buona partita sotto tutti i punti di vista. Dimenticando un paio di disattenzioni di Godin coperte magistralmente da Walukiewicz (che, incredibilmente, sembra essere il più esperto tra i due centrali rossoblù), oggi tutto gira alla perfezione: gli inserimenti di Nandez e Joao Pedro, i tagli di Sottil, i movimenti di Simeone, la linea del fuorigioco, tutto funziona e dà l'idea di avere buoni margini di miglioramento;

- Una nota positiva per Eusebio Di Francesco: sebbene la rosa di inizio anno potesse sembrare in una certa misura disfunzionale alla sua idea di calcio, l'allenatore pescarese non si è incaponito forzando un'idea di calcio probabilmente irrealizzabile come temevano in molti. Ha saputo adattarsi e adattare il modulo agli interpreti, la squadra gli sta dando ascolto e i risultati stanno lentamente arrivando;

- Stando alla partita di questo pomeriggio, al di là del risultato, sia Cagliari che Sampdoria sembrano squadre di buon livello, con idee chiare e carattere da vendere. Certamente non le vedremo lottare per le posizioni di maggior prestigio, ma difficilmente saranno coinvolte nella lotta per non retrocedere e sarà interessante seguire il loro percorso e soprattutto quello dei loro giovani più interessanti: Damsgaard e Sottil su tutti.

  • Genovese e sampdoriano dal 1992, nasce in ritardo per lo scudetto ma in tempo per la sconfitta in finale di Coppa dei Campioni. Comincia a seguire il calcio nel 1998, puntuale per la retrocessione della propria squadra del cuore. Testardo, continua imperterrito a seguire il calcio e a frequentare Marassi su base settimanale. Oggi è interessato agli intrecci tra sport, cultura e società.

Ti potrebbe interessare

Serie A 2023/24, i premi della stagione

Il meglio del nostro campionato in dieci categorie.

Guida ai playoff di Serie B

Sei squadre e un solo posto per tornare in Serie A.

Cina-Sampdoria e Il Problema dei Tre Corpi

La strana amichevole che ha ispirato l'autore della saga di fantascienza ora sbarcata su Netflix.

Chi si salva?

Squadra per squadra, una panoramica sulla lotta salvezza più serrata degli ultimi anni.
1 2 3 9

Dallo stesso autore

Il futuro di Kamada è ancora da scrivere

Il trequartista giapponese ha vissuto una stagione travagliata.

La squadra peggiore d'Europa?

La difficilissima stagione del San Severo Calcio raccontata dal suo allenatore.

I combattimenti tra vacche sono una cosa seria

Breve introduzione alle Battaille des reines valdostane.

Le campagne per escludere Israele dallo sport

I movimenti per il ban di Israele dallo sport internazionale si stanno facendo sempre più forti.
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu