Logo Sportellate
, 4 Novembre 2020

Considerazioni sparse post Zenit-Lazio (1-1)


I gol di Caicedo pesano sempre un quintale.


- “Tampone si, tampone no” è stato il mantra, parafrasato da un noto brano di EELST, degli ultimi giorni in casa Lazio ma, dall’andamento della partita, ciò non ha distratto i giocatori che, seppur contati, portano a casa un prezioso punto da Leningrado (rectius San Pietroburgo) dinanzi a ben 25 mila spettatori;

- Primo tempo quasi soporifero: palleggio sterile dello Zenit e la Lazio attendista sino ad un lampo dei russi che, grazie ad un intelligente assist in area di Zhyuba, permette alla compagine in blu di portarsi in vantaggio tirando, va detto, una sola volta volta verso Reina. La Lazio, presa la sberla, inizia a piantare le tende nella metà campo russa senza, però, impensierire il portiere avversario;

- Secondo tempo: lo Zenith parte sprintoso ma subito si rintana nella propria metà aspettando una Lazio che, però, si fa molto attendere sino al 79esimo quando, come di consuetudine, parte l’assalto all’arma bianca alla conquista del Palazzo d’Inverno avversario che vede nel Lenin ecuadoriano, al secolo Felipe Caicedo, il suo punto di riferimento che non tradisce. È 1-1;

- Capitolo singoli: bene Hoedt, sicuro Savic che, viste le assenze di Immobile e Luis Alberto, canta e porta la croce (rischiando al 93’ di fare la frittata). Pereira da tono alla delantera. Bene Muriqi, sta entrando in forma, così come Correa che si danna e si impegna anche se spesso fa bestemmiare i propri tifosi. Dal lato russo Zhyuba si conferma cliente scomodissimo così come il suo compagno di reparto. Lovren ordinato ma spento così come, più in generale, tutta la squadra targata Gazprom;

- Come sempre sostenuto su queste pagine, Caicedo rimane elemento centrale di questa squadra. L’uomo della provvidenza. Leader vero che porta la Lazio a 5 punti nel girone, permettendole di potersi giocare la qualificazione al turno successivo.

  • Impuro, bordellatore insaziabile, beffeggiatore, crapulone, lesto de lengua e di spada, facile al gozzoviglio. Fuggo la verità e inseguo il vizio. Ma anche difensore centrale.

Ti potrebbe interessare

La pelota siempre al Diez

L'addio di Luis Alberto alla Lazio, sul confine tra follia e lucidità.

Liga 2023/24, la squadra della stagione

Con tanto Real Madrid ma anche tante sorprese.

Mbappé è troppo perfetto per essere vero

Il suo trasferimento al Real Madrid è l'ultimo passaggio di una carriera sceneggiata.

Liga Portugal 2023/24, la squadra della stagione

La Top XI del campionato portoghese, i quattro migliori semi-sconosciuti e il migliore della Liga Portugal 2.

Dallo stesso autore

La pelota siempre al Diez

L'addio di Luis Alberto alla Lazio, sul confine tra follia e lucidità.

La Lazio del '74 che morì nella bellezza

Cinquant'anni fa una squadra scelse involontariamente l'immortalità.

La Costa d'Avorio e la misticità della Coppa d'Africa

Il trionfo dei padroni di casa è arrivato senza un allenatore e sfiorando più volte la fine.
,

David Beckham, working class hero

La miniserie su uno dei calciatori inglesi più forti dell'era moderna rappresenta una bellissima sorpresa narrativa.
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu