Logo Sportellate
, 28 Ottobre 2020

Considerazioni sparse post Club Brugge-Lazio (1-1)


Vista l’emergenza, è un ottimo punto per gli uomini di Inzaghi.


- Emergenza: è la parola che contraddistingue questa nostra contemporaneità, e la Lazio non ci sfugge. Nella giornata di ieri ben 12 componenti della rosa sono dovuti rimanere a Roma portando Inzaghi a dover schierare un undici forzato ma, per come si è dipanata la partita, funzionale e coriaceo dinanzi ad un giovane e grintoso Club Brugge che, come di prassi tutta europea, schiera diversi giovanissimi. Il risultato è di pareggio che è, come si suol dire, giusto;

- Nel primo tempo la Lazio aspetta e riparte trovando all’undicesimo un chirurgico Correa. La compagine delle fiandre si butta a capofitto nella metà campo romana, senza molte idee, esponendosi spesso alle ripartenze non ben sfruttate dagli uomini d’Inzaghi. D’un tratto, passati 3-4 minuti, l’arbitro inglese accorda un rigore che riporta le due squadre sul risultato di pareggio;

- Nel secondo tempo i nerazzurri belgi sembrano più convinti e organizzati. Creano parecchio e si rendono pericolosi facendo guadagnare la pagnotta a Pepe Reina. La Lazio, dal canto suo, colleziona due occasioni clamorose per portare il bottino pieno a casa ma anche Mignolet si guadagna la giornata;

- Come dicevo, la Lazio è metafora della modernità. Quindi tutti devono saper fare tutto sempre. In una parola, perdonerete il giuoco, Parolo. Prima centrocampista centrale, poi terzo di difesa ed infine centrale sinistro. Akpa Akpro si conferma tuttocampista che si produce in un paio di strappi e recuperi importanti, Savic canta e porta la croce, il Tucumano biancoceleste segna, arretra centrocampista ed infine terzino alto. Bene le sostituzioni: Muriqi tiene su la squadra, Pereira costruisce e recupera ed il giovane Czyz garantisce sostanza;

- Menzione d’onore: Inzaghi varia il modulo. Tutt’ad un tratto l’incoscienza: dal 352 al 442. È storia che, però, cambia il secondo tempo e la partita permettendo di portare in cascina un punto essenziale visto il momento.

  • Impuro, bordellatore insaziabile, beffeggiatore, crapulone, lesto de lengua e di spada, facile al gozzoviglio. Fuggo la verità e inseguo il vizio. Ma anche difensore centrale.

Ti potrebbe interessare

La pelota siempre al Diez

L'addio di Luis Alberto alla Lazio, sul confine tra follia e lucidità.

La rivincita del Barcellona femminile

Bonmatí e Putellas regalano alle blaugrana al terza Champions League.

Il PSG si sta trasformando

L'anno prossimo Luis Enrique continuerà a plasmare il PSG.

Le squadre di calcio hanno un DNA?

Un argomento sempre più sulla bocca di club e tifosi.

Dallo stesso autore

La pelota siempre al Diez

L'addio di Luis Alberto alla Lazio, sul confine tra follia e lucidità.

La Lazio del '74 che morì nella bellezza

Cinquant'anni fa una squadra scelse involontariamente l'immortalità.

La Costa d'Avorio e la misticità della Coppa d'Africa

Il trionfo dei padroni di casa è arrivato senza un allenatore e sfiorando più volte la fine.
,

David Beckham, working class hero

La miniserie su uno dei calciatori inglesi più forti dell'era moderna rappresenta una bellissima sorpresa narrativa.
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu