Logo Sportellate
, 24 Ottobre 2020

Considerazioni sparse post Barcellona-Real Madrid (1-3)


Il Barcellona gioca meglio, ma il Real Madrid sa come vincere.


- Le premesse per questo Clásico non erano le più eccitanti di sempre: il Barcellona ci arrivava felice per la vittoria in Champions ma scosso dai tremori interni, il Madrid indifeso e spogliato delle sue certezze a seguito delle ultime sconfitte. Da questi punti di partenza poteva uscirne un terrorizzato 0-0 o una partita impazzita, figlia dei disequilibri delle due squadre. La risposta esatta è la B), dato che il Real segna con Valverde al 5ed apre ad un primo tempo vibrante e divertente;

- Il Barcellona va come un treno sui binari sinistri, dove Alba e Coutinho lasciano Nacho e Asensio con lemicrania. Fondamentale il ritorno del catalano, non solo perché gioca una partita di alto livello, ma anche perché è lultimo compare di Messi rimasto. Come la coperta con Linus, Alba restituisce allargentino un certo senso di familiarità, di sicurezza: la fiducia giusta per ritrovare le giocate da 10. Come quella con cui invia sul fondo proprio il terzino, che manderà subito al pareggio Ansu Fati, rendendolo il primo minorenne a segnare in un Clásico;

- A fine primo tempo, lingresso di Lucas Vázquez per Nacho riequilibra (sorprendentemente) i blancos. Nella seconda frazione, il Madrid ha lintelligenza di comprendere la sua debolezza in transizione e lumiltà di abbassare, di conseguenza, il baricentro. Il Barcellona aumenta il possesso palla e gioca disinvolto, ma non riesce ad essere pericoloso come il Real, che con la sua spietata calma si avvia verso il 3-1 finale come se sapesse già come sarebbe andata a finire;

- Era stato dipinto un pocome il Clásico dei ragazzini: Ansu Fati e Pedri, le nuove speranze dei catalani, contro Vinicius, la stella ad intermittenza dei merengues. Questultimo è rimasto spento, così come Pedri, spinto fuori posizione da Messi e vittima della pressione. Lunico promosso è Ansu Fati: un gol, tanta intelligenza nellassecondare le azioni e attaccare gli spazi, anche se quando il Madrid si abbassa sparisce in mezzo ai due centrali. Non si può chiedere tutto ad un diciassettenne;

- Ma, nel secondo tempo, i veterani non ci stanno e buttano il petto in fuori. Ramos giganteggia quando la difesa lo accompagna, si prende un rigore (ingenua la trattenuta di Lenglet) e lo trasforma; Modric entra per Valverde e segna il 3-1, quando Koeman, mettendo dentro tutti gli attaccanti in suo possesso, aveva spogliato il proprio centrocampo come gridando finiscimi!allavversario. Insomma, i culé hanno fatto proprio di tutto per perderla questa partita e non abbastanza per farla propria. Morale della favola: il Barcellona gioca meglio, ma il Real Madrid sa come vincere.

  • Nasce nel 1998 a Palermo, dove custodisce gelosamente la sua collezione di maglie da calcio. Si laurea fra Roma e Buenos Aires in Politics, Philosophy & Economics con una tesi sul Mondiale 1978. Adesso è alunno del Master in Comunicazione e Giornalismo Sportivo nella Scuola Universitaria del Real Madrid, nonché voce del podcast di Radio Sportellate "Dilly Dong". Il suo sito web personale è antoniocefalu.com.

Ti potrebbe interessare

Le squadre di calcio hanno un DNA?

Un argomento sempre più sulla bocca di club e tifosi.

Toni Kroos, lo stratega

A 34 anni il centrocampista tedesco è ancora il fulcro del Real Madrid.

Dopo cinque anni, il Barcellona femminile ha perso in casa

E il merito è di uno straordinario Chelsea.

L’assurda avventura di Sacchi all’Atlético Madrid

I 7 mesi di Arrigo Sacchi alla guida dell'Atletico Madrid sono esistiti davvero? Sì: dal giugno 1998 al febbraio 1999.

Dallo stesso autore

Il Palermo Ladies Open si veste da gala: “Dopo la Halep proviamo a portare altre due Top 10”

Sportellate intervista Oliviero Palma, direttore dei Palermo Ladies Open, primo […]

Non avete capito Franco Vázquez

Visto che nessun altro lo farà per lui, ripercorriamo la […]

Il Mondiale è un fatto politico

Il Mondiale del 1978 è stato il primo esempio di […]

Il senso della Democracia Corinthiana

Spesso si tende a dare al gioco del pallone uno […]
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu