Interventi a gamba tesa

Considerazioni sparse post mercato del Sassuolo


Una rosa confermata in blocco, pronta a migliorarsi.


– Nessuna squadra quanto il Sassuolo riparte in questo campionato con la stessa ossatura dello scorso anno. I neroverdi non hanno di fatto ceduto nessuno, intervendo pochissimo sul mercato;

– I talenti di De Zerbi sono rimasti al loro posto. Berardi, Caputo, Djuricic, Boga è un quartetto d’attacco di livello alto. Anche chi si siede in panchina non è affatto male. Defrel, Haraslin, Traorè. Rosa da top 8;

– Due sono stati gli unici veri arrivi. Uno è Maxime Lopez, centrocampista centrale giunto last minute in presito dal Marsiglia. È un arrivo intelligente. Lopez occuperà il ruolo di play al fianco di Locatelli, mandando più spesso in panchina sia Obiang che Bourabia, anelli deboli del tiki-taka de zerbiano;

– L’altro è Ayhan, centrale difensivo turco con discreta esperienza in Bundesliga. Sembra ancora indietro nelle gerarchie di De Zerbi e un infortunio in nazionale non aiuterà l’inserimento. Tuttavia siamo fiduciosi che alla lunga prenderà il posto da titolare al fianco di Ferrari;

– Dove puó arrivare il Sassuolo? Le prime giornate (al netto di un calendario agevole) sono state esaltanti. Un arrivo più solido in difesa e magari un portiere più affidabile rispetto a Consigli avrebbero dato ancora maggiori garanzie su un gruppo che ne dà già tante.

È nato pochi giorni dopo l’ultima Champions League vinta dalla Juventus. Ama gli sportivi fragili, gli 1-0 e i trequartisti con i calzettini abbassati. Sembra sia laureato in Giurisprudenza.