Interventi a gamba tesa

Jump Cut Ep.13 – Morricone e lo sport


Quante cose hanno in comune la vostra squadra del cuore e il vostro film preferito? Quante similitudini possono esistere tra l’azione personale che decide una partita e lo straordinario monologo di un attore che finisce dritto nell’immaginario collettivo? Ma soprattutto, vi siete mai chiesti cosa porti ognuno di noi ad appassionarci così tanto al mondo dello sport e a quello del racconto audiovisivo? A tutte queste domande (ma anche a molte altre) risponde Jump Cut, la vostra oretta settimanale di droga legale.


Bentornati a tutti! Il tredicesimo episodio di Jump Cut – Il Podcast è ora online!

Una puntata che era nata per essere qualcosa di molto diverso è stata squarciata e stravolta dalla triste notizia, giunta tra la notte di domenica e quella di lunedì, della scomparsa del “Maestro” Ennio Morricone, al quale abbiamo dedicato un lungo omaggio nel corso dell’episodio.

Simbolo del genio italiano nel mondo, Morricone è stato nominato 5 volte ai premi Oscar e si è sempre dichiarato grande appassionato di sport, nonché tifoso sfegatato della Roma. La Serie A, non a caso, ha scelto di omaggiarlo durante gli ingressi in campo di questo turno, sostituendo l’ormai tradizionale inno con le strepitose musiche di Morricone.

Noi abbiamo voluto rendere onore alla carriera di Morricone nel nostro stile, aprendo la puntata con un “Montaggi paralleli” in cui abbiamo accostato la sua storia a quella della “Kop”, la leggendaria curva del Liverpool e proseguendo poi con un “Vip advisor” in cui abbiamo preso le leggendarie musiche di Morricone e ne abbiamo fatto spunto per collegarci a vari eventi sportivi.

Sperando che il Maestro possa essere contento del nostro lavoro, vi auguriamo un buon ascolto!

P.S: Tutti gli episodi di Jump Cut sono disponibili anche su Spotify al seguente link.

Alessandro Ginelli, nato a Cremona il 23/11/1996, da quel giorno vivo grazie all’aria, al cibo e allo sport. Una presenza in serie D allo stadio Euganeo di Padova in Atletico San Paolo - Fiorenzuola è il ricordo più bello e romantico riguardo la mia carriera di calciatore, da lì ho peró abbandonato il sogno di fare del calcio un lavoro grazie ai miei piedi e da un paio d’anni sogno di farlo grazie alle mie parole e alle mie opinioni. Per questo obiettivo studio Comunicazione, media e pubblicità presso l’Università IULM di Milano e coltivo il sogno di diventare giornalista sportivo. Scegliere quali sport mi piacciano di più sarebbe piuttosto difficile, quindi facciamo così: non mi piace granchè il golf.