Interventi a gamba tesa

Jump Cut Ep.12 – Caduti nella rete


Quante cose hanno in comune la vostra squadra del cuore e il vostro film preferito? Quante similitudini possono esistere tra l’azione personale che decide una partita e lo straordinario monologo di un attore che finisce dritto nell’immaginario collettivo? Ma soprattutto, vi siete mai chiesti cosa porti ognuno di noi ad appassionarci così tanto al mondo dello sport e a quello del racconto audiovisivo? A tutte queste domande (ma anche a molte altre) risponde Jump Cut, la vostra oretta settimanale di droga legale.


Bentornati amici di Jump Cut. Il dodicesimo episodio del nostro podcast è ORA ONLINE!

Dopo una settimana di pausa nella quale siamo rimasti incastrati tra vari problemi logistici, soprattutto relativi alla connessione internet dei due conduttori, siamo tornati più carichi che mai con un episodio breve e frizzante per alleggerire e smorzare il caldo di questi giorni.

Aspettatevi dunque una puntata giocosa e divertente in cui ripensare alla gioventù che vivevamo nel 2010 grazie ai ricordi di “Un’ottima annata” e poi sfidarci a fare meglio di noi nel nostro speciale “Indovina chi?” a tema sport, cinema e serie tv. Quanti personaggi saprete riconoscere solamente dalla loro voce?

Chiusura di puntata dedicata a un commento rapido sulle migliori partite con cui riempire il proprio weekend e su tutti i motivi per cui “Sotto il sole di Riccione” è probabilmente meglio starci dal vivo che su Netflix.

Che dire, non ci resta che augurarvi buon ascolto!

P.S: Tutti gli episodi di Jump Cut sono disponibili anche su Spotify al seguente link.

Nato a Cremona il 23/11/1996. Conserva nell'armadio i pantaloncini del suo esordio in Serie D allo Stadio Euganeo di Padova. Non sa scegliere tra la parte sinistra e quella destra del proprio cervello e nemmeno quale sia il suo sport preferito. È fermamente convinto che il Paradiso sia un'Olimpiade che dura in eterno.