Logo Sportellate
, 9 Giugno 2020

Inter, eccoti Vagiannidis: un esterno moderno per Conte


Da Atene a Milano. A 19 anni appena compiuti, Georgios Vagiannidis potrebbe presto coronare il sogno racchiuso nel cassetto di molti giovani calciatori: quello di esibirsi, un giorno, nel magico teatro della "Scala del calcio".


L'ufficialità è arrivata: l'Inter farà di Georgios Vagiannidis il quarto giocatore greco a vestire la maglia nerazzurra. Prima, fu la volta di Georgatos, Choutos e Karagounis. In scadenza di contratto con il Panathinaikos il prossimo 30 giugno, Vagiannidis ha posto la firma su un contratto da 300 mila euro all'anno più bonus che lo legherà al club di Steven Zhang per le prossime quattro stagioni.

Un colpo importante e di prospettiva, quello dell'Inter, che permetterà al classe 2001 di prendere parte al prossimo ritiro pre-campionato ma che potrebbe optare per un prestito del giocatore al club greco (nelle cui casse verranno versati circa 400 mila euro, validi come "training compensation") fino a gennaio 2021. Un'eventualità da non sottovalutare e che potrebbe consentire al gioiellino di Atene di collezionare minuti e presenze, proseguendo così senza intoppi nel proprio processo di maturazione tecnica e tattica.

Vagiannidis in azione con la maglia del Panathinaikos

Vagiannidis "tuttofare"

Nella lista dei possibili indiziati per il ruolo di esterno destro nel 3-5-2 ideale di Antonio Conte, Vagiannidis pare corrispondere perfettamente all'identikit di terzino moderno adattabile allo stile di gioco dell'ex tecnico del Chelsea. Giocatore provvisto di una buona struttura fisica (182 cm per 68 kg), il classe 2001 del Panathinaikos è capace di svolgere al meglio sia il ruolo di laterale in una difesa a quattro sia quello di esterno di fascia in un centrocampo a cinque.

Dopo il debutto in prima squadra lo scorso 5 dicembre, nel quinto turno della Coppa Nazionale greca contro il Panachaiki, il tecnico Georgios Donis ha deciso di schierarlo nell'undici titolare il 16 febbraio di quest'anno, nel successo per 3-1 in campionato col Panetolikos. Il risultato? Al gioiellino greco, schierato come esterno offensivo nel 4-2-3-1 iniziale, sono bastati soltanto 23 minuti dall'inizio del match per sbloccare le marcature con un facile tap in da dentro l'area di rigore. Una rete, un assist e poco più di un'ora disputata i dati di un debutto in Super League da ricordare. Un vero e proprio sogno per chi, come lui, è cresciuto con quella maglia verde cucita sul petto.

Uomo in più

Duttilità, corsa e propensione offensiva. Sono le tre caratteristiche che paiono definire al meglio il talento cresciuto nelle giovanili del Panathinaikos. Vero e proprio protagonista della formazione under 19 biancoverde, con cui ha collezionato 15 presenze e 4 reti nel corso di questa stagione. Vagiannidis è un terzino di spinta e dinamico, capace di svolgere nel modo migliore tanto la fase offensiva quanto quella difensiva.

Bravo nei cross e nel gioco aereo, le buone qualità fisiche e il grande senso della posizione lo rendono infatti uno scoglio difficile da superare per gli attaccanti avversari. Tempi di inserimento puntuali, grande visione di gioco e una buona lucidità quando arriva nei pressi dell'area di rigore avversaria.

Il talentino di Atene, che può già vantare quattro presenze e una rete con l'under 19 della nazionale greca, è il vero "uomo in più" nello scacchiere tattico del Panathinaikos. Un giocatore che pare quasi inarrestabile nelle sue discese palla al piede. Ripetutamente cercato dai propri compagni lungo la fascia destra del campo, il classe 2001 ama puntare il proprio diretto avversario per poi provare a superarlo grazie alle sue ottime qualità di dribbling o preferire accentrarsi per tirare anche con il piede debole (il sinistro).

Dopo aver incantato con le giovanili del club greco, Vagiannidis non vuole più smettere di sognare. I nerazzurri e la Serie A hanno il sapore della grande occasione. Da Atene a Milano: la "Scala del calcio" lo attende.


  • Cagliaritano, classe '96. Laureato in Scienze Politiche ed ex stagista alla Gazzetta dello Sport. Pallavolista da quando ho memoria, amo i libri, i viaggi, il mare e lo sport. Raccontarlo è la mia passione.

Ti potrebbe interessare

Il PSG si sta trasformando

L'anno prossimo Luis Enrique continuerà a plasmare il PSG.

Alessandro Bastoni, semplicemente indispensabile

E pronto a prendersi tutto, Inter e Italia comprese.
,

La lezione che ci ha dato Gian Piero Gasperini

Il primo trofeo della sua carriera è coinciso con una lezione morale.

Ligue 1 2023/24, la squadra della stagione

Lilla, Nizza e Brest la fanno da padrone.

Dallo stesso autore

Cuisance, il Venezia e un riscatto da centrare

Il centrocampista francese è un colpo di mercato affascinante dei […]

L'Empoli non è una sorpresa

Il giovane gruppo guidato da Andreazzoli sta dimostrando di potersela […]

Da Immobile a Raspadori, passando per il jolly Lucca: Italia e Mancini, cercasi gol

Gli azzurri dovranno passare dai playoff e dai gol degli […]

Palmer, il futuro del City che cerca spazio in Premier

Dopo il primo gol in Champions League contro il Bruges, […]
Newsletter
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate è ufficialmente un’associazione culturale.

Associati per supportarci e ottenere contenuti extra!
Associati ora!
pencilcrossmenu