Interventi a gamba tesa

Gioie e dolori del “non più giovane” Messi

messi

Photo by YaNiS2017/ Pixabay License


Lionel Messi l’ha sempre ammesso: Barcellona è casa sua e non vuole andarsene per nessun motivo.


In più di un’occasione i tifosi di altre big europee hanno sognato almeno per un momento di vedere il fenomeno argentino nella propria squadra, ma quel sogno è sempre rimasto tale. Nel corso delle ultime settimane però, si è discusso a lungo del contratto in scadenza ogni anno di Messi e del fatto che potrebbe liberarsi a zero dalla compagine blaugrana.

Leo Messi lascerà mai il Barcellona?

Ebbene, in realtà la “Pulce Atomica”, uno dei soprannomi più belli e azzeccati nello sport moderno, non si muoverà dalla Catalogna, anche se le voci ad un certo punto si erano fatte veramente insistenti. È stato direttamente il giocatore a prendere in mano la situazione, mettendo in evidenza, nel corso di una lunga intervista che è stata rilasciata a “Sport”, come in realtà le indiscrezioni siano rimaste tali e non ci sia alcun fondo di verità in tutte queste notizie che lo danno lontano da Barcellona. Messi, quindi, ha voluto lanciare più di una rassicurazione ai tifosi blaugrana, sottolineando come rimarrà al Barça, ma, ovviamente solo in presenza di un progetto che dovrà continuare ad essere vincente.

Nell’intervista rilasciata a “Sport”, Lionel Messi ha parlato a lungo anche con riferimento ai suoi rivali Cristiano Ronaldo e a Neymar. Sull’attaccante brasiliano ha messo in evidenza come, dall’esterno, sembra che non sia stato fatto tutto il possibile per riportarlo in blaugrana. Anche Leo è convinto che il suo ritorno avrebbe giovato al club, permettendo di fare un ulteriore salto di qualità in ottica Champions League, ma anche dal punto di vista dell’immagine e degli sponsor. Su Cristiano Ronaldo, invece, ha sottolineato come con il portoghese non possono essere amici semplicemente per via del fatto che non hanno mai giocato in squadra insieme. Anche se, alla fine, si incontrano a tanti eventi e gala e si parlano senza alcun problema. Anzi, Messi ha ribadito come l’ultimo gala dove si sono visti hanno scambiato più di qualche chiacchiera, fermandosi a parlare a lungo. Infine, ha ribadito come, nonostante entrambi abbiano tanti impegni e trasferte, non avrebbe alcun problema a dire di sì ad un’eventuale cena organizzata da Cristiano Ronaldo. Insomma, due rivali che sembrano tali solo sul rettangolo di gioco.

Il Barcellona vuole proporgli un contratto a vita

Un contratto che non ha alcun termine: un vero e proprio atto di amore nei confronti di un calciatore che rappresenta i blaugrana da ben 18 anni in tutto il mondo. Non solo, dato che l’obiettivo è anche quello di evitare che, un domani, qualcuno possa approfittarsene e porti via la Pulce senza pagare nulla. La dirigenza del Barcellona sembra avere le idee molto chiare su come aggirare il problema una volta per tutte della scadenza temporale alla fine di ogni stagione del contratto attuale di Leo Messi. I piani alti del Barcellona hanno ormai preso la decisione: vogliono blindare a tutti i costi l’attaccante argentino e l’unico modo per farlo è quello di proporgli un contratto a vita. In questo modo sarà lo stesso Leo a decidere se e quando terminare la sua carriera, nella più totale autonomia. Una proposta che è già filtrata dall’ultima assemblea dei soci. Uno degli argomenti all’ordine del giorno, infatti, era proprio il contratto del fenomeno argentino, visto che il presidente Bartomeu, in compagnia del direttore generale Oscar Grau, ha messo in evidenza come la situazione legata a Messi dovrà essere risolta il prima possibile.

Al tempo stesso, però, non si potrà forzare il calciatore argentino a firmare il contratto in men che non si dica, ma Messi potrà prendersi tutto il tempo di cui ha bisogno per arrivare ad una decisione. In ogni caso, la dirigenza blaugrana ha già scelto come agire: la prima cosa che farà sarà quella di portare l’offerta all’entourage di Messi, ovvero al padre e al procuratore Jorge. I rapporti tra Barcellona e i rappresentati di Messi sono molto buoni: la conferma non può che arrivare dal suo ultimo rinnovo, nel 2017, quando furono sufficienti soli pochi minuti per mettere la firma.


 

La redazione di Sportellate.it nasce in un attico riminese nell'estate del 2012. Oggi è la voce di una trentina di ragazzacci da tutta Italia. Non ama prendersi troppo sul serio.