Interventi a gamba tesa

6 lavori alternativi per Beppe Marotta

marotta

Dopo otto anni di lavoro alla Juventus, dove ha contribuito in maniera determinante a riportare i bianconeri sul tetto d’Italia ed a sfiorare la cima di quello europeo, Beppe Marotta ha recentemente annunciato di essere stato sollevato dalla carica di amministratore delegato, con decorrenza dal 25 ottobre di quest’anno, mantenendo soltanto temporaneamente il ruolo di direttore dell’area sportiva. Noi di Sportellate non riusciamo ad immaginare una persona come lui stare con le mani in mano e abbiamo provato a pensare a quali lavori alternativi potrebbe provare al di fuori dal mondo del calcio.


1) Personal shopper

Donne, dite la verità! Quante volte vi siete trovate nella situazione di voler stupire le vostre amiche, ma non avere i soldi per potervi permettere proprio “quel” capo firmato? In vostro aiuto c’è lui: Beppe Marotta. La sua abilità di dare un occhio alla qualità e l’altro al prezzo vi permetterà di indossare sempre abiti alla moda, magari di quel giovane stilista che ancora non costa molto e si sta facendo largo nel magico mondo del Fashion, facendovi sempre fare bella figura ai party e scatenando l’invidia di quelle amiche abituate ad essere sempre le più belle e che invece dovranno abituarsi a guardarvi dal basso verso l’alto per parecchio tempo. Premio “I LOVE SHOPPING” 2018.

marotta

2) Giudice di X-Factor

Dopo essere stato l’artefice dell’esplosione di Pazzini in blucerchiato, in coppia con Cassano, in otto anni alla Juventus tra gli altri ha portato un Barzagli ormai fuori dai radar delle grandi, Vidal, Tevez e soprattutto Pirlo e Pogba a parametro zero, prima dell’ultimo grande colpo Emre Can.

La top 11 juventina dei parametri zero pescati dal Beppe.

marotta

Quest’anno gli è andata male che il sostituto di Asia Argento sia già stato trovato, ma la Maionchi comincia ad avere una certa età ed una sedia per lui ai Bootcamp non mancherebbe mai. Pronto invece un posto a Stra-Factor per Adriano Galliani, che negli ultimi anni in rossonero di bidoni ne aveva portati tanti. Per loro sono QUATTRO SI.

3) Presidente del Consiglio

Se Luigi di Maio, che pochi anni fa lavorava come venditore di snack e bibite al San Paolo, è riuscito a scalare i ranghi dell’attuale primo partito politico ltaliano, andare al governo e prendere il doppio ruolo di ministro del lavoro e vice-presidente del consiglio, chissà dove potrebbe arrivare un dirigente calcistico di alto livello come Marotta. A mettere a posto i bilanci è un esperto, anche se il suo rapporto con l’Europa non è mai stato proprio fortunatissimo, ma in compenso con le stelle ha un feeling del tutto naturale. Stia attento Conte, quindi, visto che il buon Beppe (mica Grillo) ne ha già fatto fuori uno e non c’è mica da stare Allegri. AGGHIAGGIANDE.

4) Consulente tattico della Ferrari

Di questi tempi a Maranello non se la passano tanto bene, tra gomme da bagnato usate sull’asciutto e piloti che giocano agli autoscontri. Qualcuno ha pensato addirittura che Maurizio Arrivabene potesse essere allontanato e spedito proprio alla Juventus, ma a noi non piacciono le cose banali e allora abbiamo pensato allo scenario opposto, con Marotta che approda come consulente tattico per dare un po’ di colore ad un rosso sbiadito da anni. Con l’arrivo di Leclerc il prossimo anno, si andrebbe a comporre il classico trio con un francese, un tedesco ed un italiano: sembra l’inizio di una barzelletta, ma non pensiamo che la Ferrari possa fare più ridere di quanto non faccia già e, se proprio le cose dovessero andare comunque male, siamo certi che almeno il Gran Premio d’Italia questa volta si riuscirebbe a portarlo a casa. TALISMANO.

marotta

5) Diplomatico

Uno che riesce a mantenere in rosa per quattro anni di fila un top player di scuderia Raiola, dopo non aver scucito manco un euro per comprarlo, che problemi potrebbe avere a tenere a bada un “Kim Jong-Un” qualsiasi? La leggenda narra che una volta sia riuscito addirittura a convincere Lapo Elkann a vestirsi come una persona normale per una cena di Natale. Se dopo avere contribuito in modo determinate ad una delle strisce positive più lunghe della storia del club, è andato in diretta su SKY a raccontare di essere stato silurato senza motivo, il tutto senza trasformarsi nel successore spirituale di Germano Mosconi, siamo certi che non avrà problemi a portare la pace del mondo nel giro di pochi anni. SOGNANDO MISS ITALIA.

6) Autore per Sportellate

Se sono riuscito io a fare parte della redazione, farmi affidare questo pezzo, scriverlo, farlo pubblicare e addiritura ti ho portato a leggere fino a qui, caro lettore, è giunto il momento di essere onesti e ammettere che c’è speranza per tutti. Quindi…

BEPPE MAROTTA UNO DI NOI!


Matteo Tencaioli, nato a Varese (VA) il 16/07/1980. Da sempre diviso tra la professione di programmatore e l'amore per il giornalismo, ama parlare di sport, in particolare di calcio e tennis. Conteso tra lavoro e famiglia, suo più grande amore, fa a sportellate tutti i giorni con il sonno per trovare il tempo di coltivare anche le proprie passioni.