Interventi a gamba tesa

La coppa di Putin e la solitudine di Messi: Russia 2018, 2a giornata – 1a parte


Mondiali in Russia, vediamo nel dettaglio la situazione dopo la seconda giornata per i gironi A, B, C e D.


GIRONE A

Russia alla grande, Uruguay con il minimo sforzo, Egitto e Arabia Saudita già a casa.

L’immagine di Putin con il sorriso mentre abbraccia la Coppa del Mondo FIFA fa venire i brividi. Parlando dell’aspetto puramente sportivo e cercando di evitare virtuosismi geopolitici, possiamo affermare che la Russia vista in queste due partite mette paura. Squadra forte fisicamente e tecnicamente, giocatori che corrono compatti verso lo stesso obiettivo, 8 gol in due partite. Si dice che le avversarie sono quello che sono ma siamo pur sempre al Mondiale e si sono viste tante big in difficoltà. Anzi diciamola tutta, fino ad oggi la Russia (con l’incredibile Croazia che ha sepolto di reti l’Argentina) è la miglior squadra del Mondiale. Se il primo turno è stato quello di Golovin, il secondo giro di gare ha messo in mostra Cheryshev, Zobnin e Dzyuba. L’Egitto saluta il mondiale, con o senza Salah non è mai stata in grado di creare occasioni.

L’Uruguay, che all’esordio non aveva certo fatto impazzire rimediando i tre punti solo nel recupero, si sbarazza più facilmente di quello che dice il risultato finale di quella che è per distacco la peggior squadra del mondiale: l’Arabia Saudita. Ora nel prossimo turno si giocherà da una parte per l’orgoglio (il confusionario Egitto di Cuper cerca almeno i 3 punti) dall’altra per farsi due calcoli su chi beccare tra Spagna e Portogallo, anche se sarà impossibile stabilirlo dato che le due squadre giocheranno dopo, ma cambia poco: meglio Cristiano Ronaldo o la Spagna? Agli ottavi di finale l’ardua sentenza.

Prossimo Turno
Arabia Saudita-Egitto 25 giugno ore 16
Uruguay-Russia 25 giugno ore 16

Percentuali passaggio agli ottavi
Russia Q
Uruguay Q
Egitto
Arabia Saudita

GIRONE B

L’Iran prova l’impresa del secolo, la Spagna si salva, il Portogallo è Ronaldo, il Marocco invece non è nessuno.

È tornato il Portogallo che ci piace tanto, quello che fa schifo, ma vince. Peccato che a farne le spese c’è un Marocco che non demerita, anzi a tratti domina la nazionale lusitana, ma come contro l’Iran è incapace di finalizzare e perde 1-0: eliminati con un turno di anticipo. Ah, Cristiano Ronaldo, sempre lui: 4° gol in 2 partite. Poco da aggiungere se non che le squadre africane dopo la sconfitta del Marocco – tolto il Senegal  e fino all’incredibile vittoria della Nigeria sull’Islanda – ad oggi sono a quota 0 gol fatti, 11 subiti e 0 punti.

Nella partita che chiude la seconda giornata per il Girone B, l’Iran ci fa sognare. Sì perché il Team Mellì prima di scendere in campo decide di alzare un muro praticamente invalicabile davanti alla porta di Beiranvand. La Spagna fa ancora più schifo del Portogallo e non ha Cristiano Ronaldo. Diego Costa segna – si fa per dire – il gol che vale 3 punti, forse tra i più pesanti di tutto il Mondiale. Iniesta lo salviamo, il resto è rimandato tutto all’ultimo turno dove la Spagna avrà un Marocco già eliminato ma che venderà cara la pelle, l’Iran proverà il miracolo con il Portogallo.

Prossimo Turno
Iran-Portogallo 25 giugno ore 20
Spagna-Marocco 25 giugno ore 20

Percentuali passaggio agli ottavi
Spagna 45%
Portogallo 40%
Iran 15%
Marocco

GIRONE C

La Francia si fa trascinare da un ragazzino che è già una stella, la Danimarca da un grandissimo giocatore, poco pubblicizzato.


Quanta fatica stanno facendo le sudamericane a questo mondiale? Colombia sconfitta alla prima partita col Giappone, Perù già eliminato, Argentina in crisi, attendiamo buone nuove dal Brasile, con l’Uruguay che, come insegna la storia, è da sempre la meno sudamericana tra le sudamericane. La Francia fa una figura migliore rispetto alla prima partita, Deschamps capisce che non può fare a meno di Giroud, Pogba si dà una mossa, Mbappè segna. Uguale, Francia già agli ottavi.

La Danimarca – di quel giocatore incredibile che è Eriksen – quasi, l’1-1 con una buona Australia è praticamente il pass per il turno successivo. Contro la Francia sarà uno spareggio per il primo posto, l’Australia è ancora in corsa, ma sarà dura.

Prossimo Turno
Australia-Perù 26 giugno ore 16
Danimarca-Francia 26 giugno ore 16

Percentuali passaggio agli ottavi
Francia Q
Danimarca 80%
Australia 20%
Perù

GIRONE D

La Croazia è forte come lo era a Basket, l’Argentina muore, ma poche ore dopo rinasce perché la Nigeria batte nettamente l’Islanda, riaprendo tutto.

L’Argentina come da pronostico batte la Croazia e vola in test… no ok non ce la faccio. L’Argentina viene demolita da una Croazia nettamente superiore, in ogni reparto del campo (forse Subasic può fare concorrenza al portiere argentino, abbiamo visto l’estremo difensore croato più in forma in altre situazioni.) La banda Caballero va in campo spaurita, Sampaoli è vestito come un piazzettaro da aperitivo del sabato pomeriggio, Messi si scioglie sull’inno e poi in campo ci va la sua versione senza anima, in panchina c’è più qualità che in campo, la pressione distrugge la nazionale Albiceleste. Dall’altra parte invece c’è in campo una nazionale giunta al suo apice per forza, carisma e qualità, il centrocampo formato da Modric (miglior giocatore fino adesso del mondiale), Rakitic e Brozovic (lavoro oscuro quello di ieri, di grandissimo livello) è di una tecnica senza eguali, sembra la generazione d’oro del basket jugoslavo quando in un momento solo sfornavano Petrovic, Divac, Kukoc, Radja o quella subito dopo di Danilovic, Bodiroga ecc ecc. Il tutto condito da un condottiero come Mandzukic e da esterni come Vrasljko oppure Perisic. In passato abbiamo avuto nazionali italiane così forti; giovedì sera ammirando le qualità di questa squadra mi è venuta un po’ di nostalgia di quello che è stato il nostro calcio. Ah: vedendo Modric (e Cristiano Ronaldo e Casemiro e Isco e Marcelo e Sergio Ramos e Kroos) ancora ci domandiamo perché il Real Madrid vince tutto da anni ed è da considerarsi forse come la squadra di club più forte di tuttii tempi? (Con buona pace del grandissimo Barça di Pep Guardiola). La fortuna delle altre squadre è che la Croazia è pazza e potrebbe anche scivolare al prossimo turno (dove si prevede un Croazia-Danimarca che nella Pallamano è un classico big match), altrimenti potremmo già assegnare il titolo.


Ma il giorno dopo mentre iniziano processi di ogni genere a Sampaoli, a Messi, a Caballero,  la Nigeria fa un incredibile regalo all’Argentina. Dopo un primo tempo orrendo e dominato dall’Islanda, la squadra africana va a vincere 2-0, di fatto eliminando  l’Islanda e andando a conquistarsi la possibilità di giocarsi contro l’Argentina la sfida decisiva per passare il turno, in una sorta di sedicesimo di finale.

Prossimo Turno
Nigeria-Argentina 26 giugno ore 20
Islanda-Croazia 26 giugno ore 20

Percentuali passaggio agli ottavi
Croazia Q
Argentina 55%
Nigeria 35%
Islanda 10%


 

Classe '82 come Contador, Kakà e Gilardino, ma non ho mai vinto né Tour de France, né Champions League, né Mondiale. Ho praticato diversi sport, ma gli unici che mi si addicono davvero bene sono quelli da vedere sul divano. Juve, fumetti, cinema horror, ciclismo e cibi unti, le mie più grandi passioni.

4 Responses to “La coppa di Putin e la solitudine di Messi: Russia 2018, 2a giornata – 1a parte”

  1. free porn

    … [Trackback]

    […] Find More Information here on that Topic: sportellate.it/2018/06/22/putin-si-porta-via-la-coppa-e-messi-resta-da-solo-russia-2018/ […]

  2. agencia de viajes en managua

    … [Trackback]

    […] There you will find 65416 more Information on that Topic: sportellate.it/2018/06/22/putin-si-porta-via-la-coppa-e-messi-resta-da-solo-russia-2018/ […]

  3. สอนเทรด Forex

    … [Trackback]

    […] There you can find 6694 additional Information to that Topic: sportellate.it/2018/06/22/putin-si-porta-via-la-coppa-e-messi-resta-da-solo-russia-2018/ […]

Comments are closed.