Article image
, ,
2 min

- di Jacopo Landi

Top of the Flop, 34a giornata


Top

1) Keità: vi ricordate quando distrusse una Lamborghini a noleggio e decise che non valesse la pena di ripagarla? Beh oggi la Lamborghini è lui. Svernicia tutto ciò che di rosso vestito possa esserci. Quando si leva la maglia provoca un squirt collettivo in curva nord che lo tsunami spostalo proprio. Incontenibile. Negli spogliatoi il proverbiale rapporto per eccesso di velocità ma molti più numeri di telefono da richiamare #Keitàdefemme

2) Milinkovic Savic: passeggia per il campo a due all’ora saltando senza sforzi i giocatori della Roma che sembrano Aldo, Giovanni e Giacomo ne i bulgari. Fa tutto con una calma disarmante ma lo fa dannatamente bene. Come quando ruba il rame dallo spogliatoio della Roma a fine partita. #Lupin

3) Insigne: non segna e davanti non ha esattamente Scirea e Cabrini ma salta #lagente come Harry Potter le svolte etero della sua storia. Disegna traiettorie per le quali i giocatori dell’Inter minacciano più volte di abbandonare il campo. Una personalità e una bravura che non stupirei se diventasse capoclan a Scampia in Gomorra 3 #scugnizzo

Flop

1) Strootman: più zingaro di quelli del Lidl. Ruba un rigore che neanche Krasic negli anni d’oro. Potrebbe fare il corretto e dichiararlo ma poi vede De Rossi che si mantrugia l’uccello davanti alla panchina della Lazio #delicatissimo. Così continua la sua partita anonima e scorretta. Il silenzio degli innocenti #ahmaèlercio

Tuffo da voti altissimi per Kevin.

voti flop

2) Nagatomo: già è scarso come un involtino primavera preparato da un danese, in più il Napoli è la sua fottuta kriptonite. Pioli valuta entrambe le cose e lo schiera capitano al centro del modulo “palla a Naga e poi ci pensa lui”. E così è. Però tutti sono buoni a odiare Nagatomo io no, se mi porta un tiger roll a casa lo perdono.

3) Zapata: più irritante di un brufolo sul glande quando lei decide di concedersi dopo cena minimal al costo maximal di euro 300. Dorme come i messicani dell’estathè e non imposta neanche la sveglia per la fine della partita. #piccolaKendy
#iamJackMoody


 

ULTIME CONSIDERAZIONI SPARSE

Nato il 6 aprile del 1988 a Milano figlio orgoglioso di una città che ama con odio. Nelle vene sangue misto che ne fanno un figlio del mondo senza fissa dimora. Tra un gin tonic e un whiskey ben concepito ha consacrato la propria esistenza all’arte della buona musica con De Andrè, Shane McGowan e Chat Baker a strapparsi pezzetti di anima. Il cinema come confessione condivisa. L’amore per la beat generation e per quel mostro di James Dean. Interista con aplomb anglosassone per il gioco più bello del mondo. Crede che verranno tanti giocatori meravigliosi ma più nessuno con la corsa di Nicolino Berti.

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
clockcrossmenu