Interventi a gamba tesa

Top of the Flop, 31a giornata


Top:

1) Higuain e Dybala: la grandine in confronto a loro è un’offerta di sesso orale da parte di Bella Hadid. Uno tira da casa sua. L’altro è bello come un tramonto. La Juve va. Gli altri dicono che non gioca bene. Come quando si fanno la più bella della classe… gli altri.

2) Belotti: un panzer. Così forte da aver fatto sorgere problemi di ego a Rocco Siffredi. Segna anche la portiere di casa sua e fa tunnel a sua madre intimandole di “chiuderle”. Fotonico.

Belotti in stagione: 32 partite, 25 goal e 5 assist.

belotti top

3) Falcinelli: il Crotone vince una partita. Il Crotone vince una partita contro l’Inter. Lui la puccia due volte. Stasera il Bybols è tuo. Epic

Flop:

1) Inter: con meno anima di uno zingaro che chiede l’elemosina in Mercedes. Voleva arrivare terza, non arriverebbe terza neanche al concorso dello scemo del villaggio dopo aver pagato 50mln per corrompere i giudici… di masterchef. Ci siamo capiti.

E invece…

handanovic flop

2) Palermo: cambio di presidenze e…. niente. Un bel cazzo di niente. Altre 4 pappine e statistiche che la play station può accompagnare solo. Bene ma non benissimo. Qua la Zampa… ah no.

3) Lazio: tre sverniciate e via così come un amore infantile, come una palpata in discoteca. Come credevo ma non è stato. Come si ripresenti tra sei mesi. Ciaone!

Jack Moody


 

Jacopo Landi, sangue misto nato nell'aprile del 1988 in quel di Milano ma in realtà appartenente (in parti uguali), per origini, a: Emilia Romagna, Toscana, Valle d'Aosta, Lazio, Abruzzo ed India. Lavora un po' in tutti i settori possibili, tranne quello del narcotraffico. Matura esperienza come giornalista, prima cinematografico e poi sportivo presso il giornale on-line Italia Post, il sito calciomercato.com e le collaborazioni coi giornalisti Fabrizio Biasin e Alfredo Pedullà. Ha inoltre collaborato con la compagnia teatrale "I Birbanti" e firmato un corto personale "Una birra al bar" tratto da una novella del buon (e sacrosanto) Bukowski. Dal 2013 collabora prima con la Nella Longari arte, poi con la M77 Gallery e infine con la Renata Fabbri Arte contemporanea; prima di tornare nel mondo della produzione in qualità di sceneggiatore. Non potrebbe vivere senza filosofia, donne, cinema, whisky e buona musica. Collabora con Sportellate perché dopo il video di Corona sul "pene" di Adriano non riteneva di poter essere da meno.