Interventi a gamba tesa

Paolo Tornaghi, l’ambasciatore italiano di Vancouver


Non è più una novità ormai che, da qualche anno, alcuni campionati extraeuropei sono in continua crescita quanto a visibilità e, a piccoli passi, livello tecnico.

Se da un lato c’è la Chinese Super League che, a suon di milioni investiti, sta portando nel paese della Grande Muraglia numerosi calciatori importanti, dall’altro non va nemmeno dimenticata la Major League Soccer, torneo del Nord America dove militano, e hanno militato, diversi giocatori italiani. Attualmente, il più famoso di questi è Sebastian Giovinco: grazie ai tanti gol e alle infinite prodezze, l’ex juventino ha letteralmente conquistato i tifosi del Toronto.

Tuttavia, a Vancouver c’è un altro calciatore nostrano, in assoluto il primo italiano a firmare con una squadra di MLS, che proprio in questa competizione è riuscito a trovare rilancio, dopo una prima parte di carriera non facile in Lega Pro. Si tratta di Paolo Tornaghi, secondo portiere del Vancouver Whitecaps.


All’inizio del 2012 infatti, a 23 anni, l’estremo difensore di Garbagnate Milanese viene ingaggiato dal Chicago Fire, una delle franchigie calcistiche più importanti degli States.

Il suo percorso in Italia non è stato, nel complesso, molto positivo. Il club a cui è maggiormente legato è l’Inter, dove ha svolto la trafila delle giovanili. Ogni tanto ricorda sui social questa simpatia a tinte nerazzurre.  

20170305_232113

Nella stagione 2009/2010, invece, Tornaghi veste la casacca del Rimini, compagine del Girone B di Prima Divisione e allenata da Mauro Melotti. In biancorosso è il ‘secondo’ di Maurizio Pugliesi, e durante il campionato ha occasione di giocare titolare nei match contro Pescara e Reggiana, terminati rispettivamente 0-0 e 1-3. Peraltro, proprio al termine di quell’annata, conclusa con l’eliminazione nella doppia sfida della semifinale play-off contro l’Hellas Verona, la società romagnola non riesce ad evitare il tragico fallimento: pochi mesi dopo è costretta a ripartire dalla Serie D. 

20170313_114335

Nel frattempo, il calciatore classe 1988 cerca un nuovo rilancio a Como, dove però colleziona solo 3 apparizioni tra campionato e Coppa Italia.

Così, a gennaio 2012, dopo che sei mesi prima era tornato all’Inter, fa le valigie e si trasferisce a Chicago. Nella città dell’Illinois, pur mantenendo il ruolo di riserva, Tornaghi ritrova fiducia e serenità, come conferma in prima persona in un’intervista rilasciata a Sky Sport durante quello stesso periodo: “Ho fatto due anni in Lega Pro con Rimini e Como e non sono andati granché bene. Allora anziché insistere in categorie in cui potresti perderti è nata l’idea di andare all’estero e si è concretizzata con l’offerta della MLS. […] A Chicago si vive in maniera assolutamente tranquilla. Poche pressioni, voglia di divertirsi in campo. Qui il calcio ha uno stile molto anglosassone. Poi nel tempo libero vado al cinema e guardo qualche partita di basket”. 

Tornaghi3

L’ex nerazzurro rimane all’ombra della Willis Tower per due stagioni, e tra le fila dei Fire totalizza 9 presenze. La svolta successiva arriva a febbraio 2014: da svincolato firma con i canadesi del Vancouver Whitecaps. Ora, a distanza di tre anni, il portiere originario dell’hinterland di Milano è ormai diventato una sorta di ambasciatore italiano di questa città che conta poco più di 600mila abitanti. Sin dall’inizio è affascinato da tutto l’ambiente biancazzurro, e apprezza molto anche la grande sportività dei tifosi locali, cosa che ha rimarcato qualche mese fa al blog www.andreatorrisi.com: “Qui nel Nord America tutti gli sport sono vissuti molto civilmente. Nel calcio non siamo abituati mai ad avere i tifosi avversari a pochi metri durante la partita. La partita è un momento di spettacolo e le società organizzano sempre molto bene il Game Day. Il pubblico è appassionato anche se con differenze tra le varie zone del continente”.

IMG_20170313_154459

Nel corso della stessa intervista, il calciatore ha modo di sottolineare la differenza di mentalità sulla gestione dei settori giovanili tra Italia e America settentrionale: “Questa esperienza mi ha fatto ancora di più aprire gli occhi sul fatto che dovrebbero essere le società ed i tifosi in primo luogo, oltre che la federazione, a promuovere il più possibile i giovani italiani invece che importare giocatori dall’estero. Le big della Serie A che giocano in Champions League hanno delle necessità particolari, ma le altre di Serie A o B perché si imbottiscono di stranieri, sbarrando la strada ai vivai? Qui in USA e Canada prima vengono i loro giocatori e poi gli altri, salvo i top player ovviamente”.

Anche con i “caps” Tornaghi è il secondo portiere, in quanto il titolare è l’esperto danese David Ousted. Tuttavia, ogni volta che viene chiamato in causa risponde sempre presente, dimostrando grande affidabilità.

Vedi, ad esempio, la notevole prestazione nell’unica partita della scorsa MLS in cui è sceso in campo, in casa dei californiani del San José Earthquakes. La gara finisce a reti bianche, e Paolo, autore di ottimi interventi, è il man of the match, come rimarca la stampa locale. In particolare, decisiva è la parata su una pericolosa conclusione angolata dell’esterno avversario Cordell Cato. Altrettanto positive, sempre con riferimento all’ultima stagione, sono state le sue performance nelle gare di CONCACAF Champions League e della Canadian Championship, trofeo, quest’ultimo, che nel 2015 ha sollevato al cielo.

10441376_846709445456757_5337083379982532294_n

Inoltre, fuori dal campo Tornaghi è un pilastro dello spogliatoio, grazie al suo carisma e al suo grande attaccamento alla maglia. Gli stessi supporter biancazzurri hanno da sempre notato tale fattore, e quando possono non perdono occasione di strappare un selfie con lui.

Numerosi sono poi i tweet in cui viene menzionato, spesso anche simpatici.

20170306_204721

Due settimane fa è cominciata l’MLS 2017, e, dopo queste prime due giornate, il Vancouver ha un punto in classifica, a seguito del pareggio casalingo per 0-0 contro il Philadelphia Union e del ko di sabato sera in casa del San José Earthquakes. Proprio contro i nerazzurri, quasi per ironia della sorte, l‘estremo difensore milanese ha esordito in campionato a causa dell’espulsione di Ousted al 23’. Un minuto più tardi ha infatti preso il posto del compagno di squadra Nicolas Mezquida. La partita è terminata 3-2 per i “quackes“, dopo che i canadesi conducevano per 2-0 dopo i primi 17 minuti di gioco. 

Questi sabato, invece, i ragazzi allenati da Carl Robinson saranno impegnati in casa, allo stadio “BC Place”, contro il Toronto, che dovrà rinunciare all’infortunato Giovinco. Salta dunque la sfida di marca italiana tra Tornaghi e la “formica atomica“. La compagine dell’Ontario resta comunque di primo livello: in organico annovera giocatori come il centrocampista Michael Bradley o la prima punta Jozy Altidore, quest’ultimo cliente ostico per qualsiasi portiere. Ma siamo certi che Paolo non si farà trovare impreparato.  


 

Raffaele Campo, nato a Padova il 21/6/1989. Diplomato al Liceo Classico Statale "Concetto Marchesi" di Padova (ma non chiedetemi nulla di latino e greco) e attualmente studente di giurisprudenza presso la facoltà di Ferrara. Vado matto per il calcio, ma soprattutto per l´Inter, seguo anche la Premier League e non disdegno la Liga spagnola. Altre passioni e interessi sono leggere, libri di storia e di cronaca italiana del ´900 in primis, e viaggiare (ho visitato più di dieci Stati europei, ma ce ne saranno ancora tanti altri che visiterò). Collaboratore Sportellate.it

3 Responses to “Paolo Tornaghi, l’ambasciatore italiano di Vancouver”

  1. netcore agency

    … [Trackback]

    […] Read More here on that Topic: sportellate.it/2017/03/15/paolo-tornaghi-lambasciatore-italiano-di-vancouver/ […]

Comments are closed.