Article image
, ,
2 min

- di Jacopo Landi

Top of the Flop, 27a giornata


Top:

Bacca: bistrattato, insultato e più spergiurato di Quagliarella dai napoletani, eppure nell’ultima partita è stato tutto il Milan. Talmente tanto che quando si inginocchia al secondo goal ha gli occhi tirati come quelli di un cinese ma vero. Tra closing fantasma lui torna e di ignoranza ne insacca due, non sarà Sheva ma che cuore questo Bacchitos...

Bentornato Carlos.

bacca top

Mertens: una delle esultanze più becere e ignoranti degli ultimi anni a festeggiare il primo di due goal di un giocatore infinito, nato in Belgio solo per caso, scugnizzo ringhiante della Napoli vera quella che viene su dai vicoli che vive tra risate, espedienti e leggende.

Perisic: è tornata la banda dei balcani e lui ne è ovviamente il leader. Corre come un trattore truccato in Salento e segna in trasferta con una regolarità che Icardi scansati. Se non fosse brutto come il peccato si potrebbe pensare di augurarlo alle nostre figlie come fidanzato.

Flop:

Fazio: nessuno gli dice che deve continuare a difender e così lui scende in campo col chiaro intento di uscire la gente. Non ancora pronto per ballando con le stelle ma sicuramente in lizza per il prossimo film di Herbert Ballerina.

"Fazio aveva un dono: faceva uscire la gente"cit.

Sorrentino: quando gioca contro una squadra che non sia l’Inter per lui la porta è solo un gelido rettangolo un cui rimanere rinchiuso per 90’ minuti. Con Bacca non aspetta neanche che questo gli offra un gin tonic per aprire le gambe e concedersi.

Difesa Pescara: prendi una difesa scarsa. Ma scarsa scarsa. Fatto? Esonera il suo allenatore e assumi Zeman. Fatto? Com’è che segni di più ma prendi tre volte i goal che prendevi prima? Avviamo un’inchiesta parlamentare.

#iamJackMoody


 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE...

Nato il 6 aprile del 1988 a Milano figlio orgoglioso di una città che ama con odio. Nelle vene sangue misto che ne fanno un figlio del mondo senza fissa dimora. Tra un gin tonic e un whiskey ben concepito ha consacrato la propria esistenza all’arte della buona musica con De Andrè, Shane McGowan e Chat Baker a strapparsi pezzetti di anima. Il cinema come confessione condivisa. L’amore per la beat generation e per quel mostro di James Dean. Interista con aplomb anglosassone per il gioco più bello del mondo. Crede che verranno tanti giocatori meravigliosi ma più nessuno con la corsa di Nicolino Berti.

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
sportellate intervista
Campagna Associazioni a Sportellate.it
Sportellate.it è ufficialmente un’associazione culturale.

Con l’obiettivo di promuovere un’idea sana e costruttiva di sport.
Associati ora!
clockcrossmenu