Interventi a gamba tesa

Top of the flop, 13a giornata


Top:

1) Suso: più saltellante di una ballerina di flamenco, quando gli spiegano che Samuel è solo il coach della difesa dell’Inter si fa due risate invita quattro mule a mangiare gaspacho in spogliatoio. In campo fa più danni della grandine. Far sembrare Miranda un tetraplegico non era semplice, per gli altri, ma non per lui.

2) Insigne: Lorenzo il bambino molesto, che il venerdì si lamenta coi giornali di non segnare dalla caduta del muro di Berlino nel 2006 e poi il sabato secca due pigne e piazza un dodici rolex rubati. Solo il destino sa cosa ci farà veder e Lorenzino nella terza stagione di Gomorra, intanto #ciripigliamo #tuttoquello #cheènostro

3) Atalanta: una squadra che si permette di shortare Raimondi con Cr77 meriterebbe la radiazione a prescindere anche dai tornei aziendali di ping pong con le scoregge. Ma sta di fatto che sono tutti italiani, hanno un età media di 13 anni e quando non giocano a calcio si dilettano a girare i remake fanmade di Fast and Furious coi trattori. Eccomi sono a casa.

Flop:

1) Sassuolo: A un’altra squadra era successo di andare in vantaggio di due goal ma di perdere poi per a 2. E quella squadra era proprio la Sampdoria. Al Signore non manca il senso dell’umorismo ma al Sassuolo manca la condizione atletica totalmente. Più fuori forma di un camionista vegano

2) Empoli, Palermo, Pescara: senza polemica, ma se io e dieci di voi, ci mettessimo a fare la sfida del manichino nel bel mezzo di una partita contro queste tre squadre, avremmo comunque l’80% di vincere lo stesso. Serie a’ ridere…

La desolazione.

ladesocxt1zbdxaaagdtk-jpg-large

3) Difesa dell’Inter: quando sembra che tu stia sfidando Messi nella sua giornata migliore ma davanti hai una squadra che è stata costruita con gli 80 euro di Renzi, tre buoni pasto e un cambia colore dell’uno, capisci che la bestemmia può accompagnare solo.

Ps:
Cristiano Ronaldo non segna più #miraccomando

Uno due tre stella…

Fine delle trasmissioni. Per ora.

#iamJackMoody


 

Jacopo Landi, sangue misto nato nell'aprile del 1988 in quel di Milano ma in realtà appartenente (in parti uguali), per origini, a: Emilia Romagna, Toscana, Valle d'Aosta, Lazio, Abruzzo ed India. Lavora un po' in tutti i settori possibili, tranne quello del narcotraffico. Matura esperienza come giornalista, prima cinematografico e poi sportivo presso il giornale on-line Italia Post, il sito calciomercato.com e le collaborazioni coi giornalisti Fabrizio Biasin e Alfredo Pedullà. Ha inoltre collaborato con la compagnia teatrale "I Birbanti" e firmato un corto personale "Una birra al bar" tratto da una novella del buon (e sacrosanto) Bukowski. Dal 2013 collabora prima con la Nella Longari arte, poi con la M77 Gallery e infine con la Renata Fabbri Arte contemporanea; prima di tornare nel mondo della produzione in qualità di sceneggiatore. Non potrebbe vivere senza filosofia, donne, cinema, whisky e buona musica. Collabora con Sportellate perché dopo il video di Corona sul "pene" di Adriano non riteneva di poter essere da meno.

2 Responses to “Top of the flop, 13a giornata”

Comments are closed.