Interventi a gamba tesa

Top of the flop, 5a giornata


Capitolo Olimpiade:

Lo Sport fa bene. Sempre. In una cornice come quella di Roma, con un’organizzazione senza eguali come è quella italiana (Torino 2006 ancora se la sognano) sarebbe stato uno spettacolo di prim’ordine che i paladini del congiuntivo del movimento 5 st…erline hanno soppresso senza neanche la classe di degnare di uno sguardo quelli (cioè Malagò e noi, appassionati di sport di tutto il mondo) a cui stavano chiudendo la porta in faccia. Molto bene.

Una volta il Grillo parlante era la voce della coscienza, ora si fa le canne al parchetto col gatto e la volpe #benecosì #sonoironico

Top

1) Hulk a Bologna”:  vi ricordate quel “Simone Verdi” che il Milan comprò negli anni ’60 con tanto di Suma in lacrime e sito ufficiale rossonero che parlava di giovane del secolo? Beh, un secolo dopo quel Verdi pare proprio essere maturato. Oggi in particolare ha stoccato una castagna all’incrocio che, zio porcone, Viviano, canne escluse, si risveglierà domani comunque confuso e avendo dimenticato come ci si sieda.

Fisico da armadio Ikea montato da ubriaco. Capelli che neanche a Tor Bella Monaca e via a segnar e gol così #miricordo #montagneVerdi

2) “Dai Cinepanettoni con furore”: ne ha fatta di strada il buon Nestor di Vacanze di Natale 2000. Sedici anni dopo ha un nome più lungo, Nestorovski e ha regalato quattro punti in due partite a un Palermo che a livello di serietà societaria precede solo il Pisa. Ma Nestor è così, come la fantasia, non si insegna, si cementa nei piloni dell’autostrada se non accetta i “consigli” #noavvocato #0335no

Il caro vecchio Nestor, amico di De Sica.

3) “Se farà bene verrà convocato”: viene da chiedersi se e quando il ct dell’Argentina pronuncia queste parole, riferendosi a O’ Track Icardi, non sottintenda una velata sfida al bomber Rosarino.
Ti convoco se…
Ti convoco se…
Ti convoco se….
Se mi faccio
Non dirlo….
Se mi faccio
Son dirlo…
Se mi faccio….

TUA MADRE

#digiustezza #ahno #scusate #doppiettaditesta


Flop

1) La caduta del MURillo di Berlino: il Superman colombiano se la sente che a confronto Cristiano Ronaldo è un monaco francescano che si è dedicato ai piccioni. Abbiamo capito Jeison che sei veloce ma daje tregua a Miranda che inizia pure ad avè gli annetti suoi. Tra svirgolate, cappelle e vai col liscio che me pare “Mai dire gol”, stagione d’oro ’93-’94 una ne fai e 180 ne pensi.

#JeisonGiasone

2) 44 Sarri in padella in fila e col resto: meno di un anno e l’uomo pulito che veniva dalle banche (pulito/banche ???????) è diventato come tutti los otros: un #cacacazzo. Mon frère, te poi attaccà ai rigori tutte le volte che voi, ai gironi pilotati tutte le volte che voi, al tuo presidente idrofobo tutte le volte che voi. Ma il calcio è più semplice, butta la palla oltre la linea e non rompere #licojoni. Non ti lamentavi dei rigori concessi al Napoli 4 metri fuori dall’area.

È più da signori imparare e migliorare, che rosicare e fare battute su tute e finocchi #sa #sa #prova

Walter Sarri?

3) C’eravamo tanto amati: ma come. Ma perché. Ma quando???? Crotone, Cagliari ma che v’è successo? Che v’hanno fatto. Tre giorni fa: pareggi, vittorie, gioco spumeggiante, dichiarazioni quali “non siamo costruiti per difenderci ma per proporre calcio” e 4 giorni dopo l’unica cosa che proponete è la solita formula matematica del p greco mezzi??? Più falsi di Belen quando parla di amore e meno credibili della Leotta che s’incazza per due minnelle rubate #fake

Ps: iper mega colpa mia. Domenica scorsa volevo scrivere un romanzo sulle esultanze di Cacciatore. Illegali in 74 paesi, ma unico culto che può contrastare il fondamentalismo islamico. Questo misto di epilessia, MD e ictus è tanto privo di senso quanto cafone. Cacciatore in the sky with diamonds che Breaking Bad scansate proprio.

Fine delle trasmissioni per Or..vieto. Per ora.

Jack Moody


 

Jacopo Landi, sangue misto nato nell'aprile del 1988 in quel di Milano ma in realtà appartenente (in parti uguali), per origini, a: Emilia Romagna, Toscana, Valle d'Aosta, Lazio, Abruzzo ed India. Lavora un po' in tutti i settori possibili, tranne quello del narcotraffico. Matura esperienza come giornalista, prima cinematografico e poi sportivo presso il giornale on-line Italia Post, il sito calciomercato.com e le collaborazioni coi giornalisti Fabrizio Biasin e Alfredo Pedullà. Ha inoltre collaborato con la compagnia teatrale "I Birbanti" e firmato un corto personale "Una birra al bar" tratto da una novella del buon (e sacrosanto) Bukowski. Dal 2013 collabora prima con la Nella Longari arte, poi con la M77 Gallery e infine con la Renata Fabbri Arte contemporanea; prima di tornare nel mondo della produzione in qualità di sceneggiatore. Non potrebbe vivere senza filosofia, donne, cinema, whisky e buona musica. Collabora con Sportellate perché dopo il video di Corona sul "pene" di Adriano non riteneva di poter essere da meno.