Article image
2 min

- di Andrea Ravasi

Icardi the best


56 gol in 159 partite in serie A, 61 in 133 in carriera, 50 gol in 100 presenze con la maglia dell’Inter di cui è diventato capitano all’età di 22 anni. Invidiato, chiacchierato e sbeffeggiato dalle tifoserie avversarie (a volte persino dalla sua). Incubo della Juventus. Questo è Mauro Icardi.

Mauro Icardi, classe 1993, è a mio giudizio il miglior finalizzatore della sua età.


Sabato pomeriggio ha firmato il 50° gol con la maglia nerazzurra alla sua 100a presenza, che ci permette facilmente di costatare la sua media di una rete ogni due partite con l'Inter.

Se però vogliamo comprendere in maniera più approfondita l’attaccante di Rosario, dobbiamo analizzare in maniera più completa le sue statistiche stagionali. Scoprendo così che sono ancora più importanti, soprattutto se paragonate agli altri attaccanti della sua stessa età. In quest’annata tra i classe ’93 si sono distinti, oltre a Maurito, Harry Kane, Paulo Dybala e Romelu Lukaku. Se Dybala non è per tipologia di gioco paragonabile ad Icardi (prima punta portata anche a giocare da enganche, non particolarmente prestante fisicamente, che ama rifinire l'azione e costruirsi spazio per il suo sinistro), i due strikers, per dirla all’inglese, Kane e Lukaku risultano invece più simili all'argentino in quanto amano fare a sportellate e stazionare nell’area di rigore.

I numeri

Iniziamo con l’analisi riguardante i gol fatti. Dybala e Icardi si fermano a 14 gol rispettivamente in 2176 e 2086 minuti giocati, Lukaku è a quota 18 in 2689’ e Kane a 22 in 2913'. Da una rapida divisione si ottiene che l'interista segna una rete ogni 155 minuti, Dybala e Lukaku una ogni 149 e Kane una ogni 132. Da questa statistica risulta che il mio preferito è posizionato in ultima posizione ma, se andiamo a togliere le segnature su palla inattiva (punizioni e rigori), si può notare come i dati cambino.
Per carità, non voglio sminuire l’importanza dei calci piazzati, ma per giudicare una prima punta a mio giudizio è meglio escluderli in quanto esulano dalla finalizzazione in senso stretto. Così facendo, troviamo che l'ex Samp è a quota 13, la "Joya" a 8, l'attaccante dell'Everton e quello del Tottenham a 18.

Da qui ricaviamo facilmente la media gol su azione degli stessi: Maurito segna ogni 167’, lo juventino ogni 260’, il belga ogni 158’, mentre l'inglese ogni 161’. Da sottolineare è anche la posizione da cui sono originate le reti: l’interista segna il 100% dei suoi centri da dentro l’area, Dybala si ferma a 9/14, Kane a 20/22 e Lukaku a 17/18. Questo dato ci conferma quello che dicevamo all’inizio circa cioè la forzatura nel paragonare Icardi-Kane-Lukaku a Dybala. Ma mentre la punta formatasi al Barcellona si conferma puro animale d’area di rigore, i due centravanti della Premier amano svariare di più e ricevere palla anche fuori dai 16 metri.


 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE...

Nato nel 1994 a Treviglio (BG), laureato in Management presso l'Università L. Bocconi. Tifoso interista dalla nascita e amante del calcio, un poco di buona musica non guasta mai. Collaboratore @Sportellate.

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
clockcrossmenu