Article image
, ,
3 min

- di Jacopo Landi

Il pagellone della 21a giornata di serie A


Inter: leggi Inter ma capisci “far salire il nazismo”. Sintetizza tutto Mancini “abbiamo sbagliato goal che avrei segnato io a 50 anni”, nello spogliatoio vola un corollario di bestemmie per il quale saranno necessari un paio di giubilei #il bambinello Gesù, voto: 11 scomuniche sul campo.

 

Carpi: Castori rode e rode e alla fine riesce a spezzare in due l’Inter con una bella Lasagna che si pianta gelata sullo stomaco dei nerazzurri. Borriello indice subito festa nazionale e invita tutti, belli e brutti al Byblos #tutti a figa con Marcone, voto: 200 euro a boccia.

 

Juventus: Bobo Vieri una volta ha detto “sono più uomo io che tutti voi messi assieme”. Giriamo, ma di poco, la frase “E’ più squadra la Juve che tutte le altre 19nnove messe assieme” #punto, voto: tanti applausi.

 

Roma: più incolore dell’acqua ma anche meno utile di un buco del culo sul gomito. In più perderà De Rossi per un bel po’ per via di quelle dolci parole rivolte a Marione “sei un cd, un cd ROM” #campo profughi, voto: 2 turni in prigione.

 

Empoli: chi l’ha vista su Sky a tratti ha sentito anche le indicazioni di Giampaolo che a quanto pare è ancora tra di noi. Il passaggio di Saponara è meraviglia pura, Big Mac l’unico panino da scegliere al Mac #tanta roba, voto: vorrei del ketchup per favore.

 

Milan: a differenza dell’Inter segna più di un gol a partita... se solo non ne concedesse altrettanti..#bene ma non benissimo, voto: boa boa teng teng teng.

 

Lazio: ma c’è bisogno di prendere un cartone ogni volta per iniziare a giocare ? Candreva è una forza della natura #Pioli opposti, voto: 8.

 

Chievo: fa tutto, poi lo disfa, poi tenta di rifarlo ma l’arbitro gli ricorda che si chiama Chievo e non Penelope #boom, voto: -4.

 

Sampdoria: anche qui... ne fai due al Napoli, bravi, bene....ma non puoi prenderne trentordici #cazzocane, voto: 4 sul campo.

 

Napoli: con Higuain andrei anche in Iraq, vi basta? #testa di cuoio, voto: 10 colpi al minuto.

 

Verona: ieri ero a Verona e...raga....ma che città meravigliosa è? Io giocherei nel Verona solo per poterci vivere... e gli farei pure vincere qualche partita #il pazzo Landi, voto: 333/4692*** chiamatemi.

 

Genoa: dev’esserci qualche regola di fisica quantistica per la quale, quando un giocatore passa dal Milan, nel Genoa improvvisamente diviene la reincarnazione di un fenomeno #Suso fuso, voto: 8.

 

Sassuolo: quando ti segna, condannandoti, Floccari, al quale tu avrai fatto giocare, sì e no, 4 partite in sei anni....come puoi sentirti ? #esatto, voto: stronzo.

 

Bologna: derby emiliano, incerto solo per chi non sa. Giaccherino show, l’ennesimo. Perché per giocare bene non serve sempre spendere i miliardi e avere un cognome del cazzo #bomba, voto: clap clap.

 

Fiorentina: troppa superiore. Nel secondo, per cercare di equilibrare le squadre, entra in campo Paulo Sousa, ma dopo 4 minuti si strappa #certe cose non cambiano mai, voto: 9.

 

Torino: poco da fare, poco da dire #altre categorie, voto: pacca sulla spalla

 

Frosinone: ma che due coglioni #noia, voto: rimborsatemi un biglietto che non ho mai pensato di comprare.

 

Atalanta: mi avete sfilettato il sacchettino scrotale, rimborsatemi anche voi, almeno qualcuno ne esce vincitore.

 

Palermo: cambio in panchina o cambio della stagione? A Zamparini l’ardua sentenza.

 

Udinese: bel periodo per i friulani che hanno vinto l’ultima partita nell’82, a no quella era la nazionale #stica, voto: zzi.

 

Fine delle trasmissioni. Per ora.

JL


 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE...

Nato il 6 aprile del 1988 a Milano figlio orgoglioso di una città che ama con odio. Nelle vene sangue misto che ne fanno un figlio del mondo senza fissa dimora. Tra un gin tonic e un whiskey ben concepito ha consacrato la propria esistenza all’arte della buona musica con De Andrè, Shane McGowan e Chat Baker a strapparsi pezzetti di anima. Il cinema come confessione condivisa. L’amore per la beat generation e per quel mostro di James Dean. Interista con aplomb anglosassone per il gioco più bello del mondo. Crede che verranno tanti giocatori meravigliosi ma più nessuno con la corsa di Nicolino Berti.

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
clockcrossmenu