Article image
,
2 min

- di Jacopo Landi

Il pagellone della 2a giornata di serie A


Bologna: per giocare gioca, a volte anche bene. Ma le ingenuità sono oscene e le costano la partita. #svampitelli, voto: 5

 

Sassuolo: more or less lo mismo del Bologna, ma Sansone è un gran bel giocatore, in più Floro Flores si dimostra il più cinico dei 22. Sfanculando tra l’altro platealmente il suo allenatore, reo di averlo lasciato in panca #tombolanapoletana, voto: 6.5

 

Milan: non era facile... concedere il 70% di possesso palla all’Empoli. Fortuna che gli acquisti in attacco li ha imbroccati. Il campionato inizia alla 2a giornata, se la squadra avesse metà del carattere del proprio allenatore l’avrebbe già vinto #mangiareerba, voto: 6

 

Empoli: bellissima partita, ma poi, come in molti sostengono, l’attaccante più forte fa la differenza tra vittoria e sconfitta. Ed è proprio quello che succede. #vitamagra, voto: 5.5

 

Juventus: non ha perso tre giocatori. Ha perso la propria anima e le proprie consapevolezze. Il tutto in una condizione fisica aberrante #incubi, voto: 5

 

Roma: continua a non azzeccare gli acquisti degli esterni (i contropiedisti sono da squadre piccole), ma almeno vince. Anche se il brivido nel finale col gol di Dybala spiega dove la squadra debba ancora crescere #tennagers, voto: 7-

 

Carpi: giochicchia bene...in pieno stile italiano. Poi un kamikaze conclude la serata infelice #strage, voto: 5

 

Inter: condizione atletica che neanche Galeazzi alla fine della tre giorni di sagra del torrone toblerone. Ma l’anno scorso l’avrebbe persa, e quest’anno è prima in classifica. #cambio, voto: 6.5

 

Napoli: sembra proprio aver ereditato l’anima della squadra di Benitez. Bene davanti, male dietro. Spiace per Sarri, che verrà tritato vivo #peccato, voto. 5.5

 

Sampdoria: Studio Aperto pare aver smascherato Ferrero: Cristiano Ronaldo ha giocato le prime due giornate a Genova ed Eder a Madrid, dalla prossima dovrebbe tornare tutto come prima #scambidipersona, voto: 8

 

Chievo: ultim’ora: offerta del Man City da 70 milioni di euro per la coppia Meggiorini-Paloschi, il Chievo ci pensa #sogno, voto: 10

 

Lazio: che batosta... quando la mente fa girare i piedi. Il compito di Pioli non sarà semplice, per niente #insalita, voto: 4

 

Torino: come ci piace il Toro, come ci piace Baselli, come ci piace Ventura. #ILgrandeTORO, voto: 8

 

Fiorentina: come cambiano le cose, a volte, da una domenica all’altra. #punti di vista, voto: 4

 

Atalanta: tutta l’Atalanta è nello sguardo di Willy Stendardo dopo il gol dell’1-0 #lavogliadivincere, voto: 7

 

Frosinone: sembra la meno attrezzata per la serie A #crediciFrosinone, voto: 5

 

Genoa: sembra esattamente la squadra dell’anno scorso. Ma nel senso buono… #avanticosì, voto: 7

 

Hellas: qua la magia invece sembra finita. Pochi gol e meno gioco #daiMando, voto: 5

 

Udinese: la vita concede, la vita toglie. Oggi ha tolto #accidenti, voto: 5

 

Palermo: Ma cos’ha fatto Vazquez ? #meraviglia, voto: 8

 

Fine delle trasmissioni. Per ora.

JL


 

ULTIME CONSIDERAZIONI SPARSE

Nato il 6 aprile del 1988 a Milano figlio orgoglioso di una città che ama con odio. Nelle vene sangue misto che ne fanno un figlio del mondo senza fissa dimora. Tra un gin tonic e un whiskey ben concepito ha consacrato la propria esistenza all’arte della buona musica con De Andrè, Shane McGowan e Chat Baker a strapparsi pezzetti di anima. Il cinema come confessione condivisa. L’amore per la beat generation e per quel mostro di James Dean. Interista con aplomb anglosassone per il gioco più bello del mondo. Crede che verranno tanti giocatori meravigliosi ma più nessuno con la corsa di Nicolino Berti.

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
clockcrossmenu