Interventi a gamba tesa

Pagellone della 17a giornata di Serie A


1) Juventus: gioca con la spocchia di chi è conscio di essere più forte e al contempo con la leziosità del piccolo lord. L’azione del gol è da orgasmo multiplo, il resto della partita è più anonima di una puntata de “Il segreto”. #nobiltà, voto: 5

 

2) Inter: pronti via, 1-0 per la Juve. Anche Gesù corre alla Snai a giocarsi l’over bianconero e invece l’Inter tira fuori i c******i e la pareggia. Icardi potrebbe vincerla se solo servisse a Osvaldo quel pallone… Ma non lo fa e adesso aspettiamo un’interrogazione parlamentare. #miracolo, voto: 6

 

3) Milan: pronti via 1-0, sembra una domenica in discesa e così è infatti ma per il Sassuolo, perché i rossoneri smettono di giocare. Cerci entra e si mangia un gol, Galliani è già pronto a girarlo al Cesena in cambio di mezzo Cascione. #trucchi di magia, voto: 4

 

4) Sassuolo: Zaza viene posseduto da Van Basten e segna un gol da cigno… Se solo la casacca fosse quella giusta. #incredibile, voto: 8

 

5) Udinese: vedo non vedo… Nel dubbio sfavoriamo Stramaccioni. #bene bene, voto: 5

 

6) Roma: vedo non vedo… Nel dubbio favoriamo chi sfrantuma il c***o con costanza. #meritocrazia, voto: 5

 

7) Parma: la fine dell’incubo, l’inizio del sogno e due etti di crudo per favore. Il Parma ce la fa e in cielo si apre e un coro di angeli che suona le trombe a festa. #nell’alto dei cieli, voto: 7

 

8) Fiorentina: Gomez è un difensore incredibile…. Se solo non fosse pagato dalla Fiorentina per fare l’attaccante… #sviste, voto: 4

 

9) Palermo: gioca contro la primavera degli ospedali riuniti e la partita dura circa trentacinque secondi netti. Il resto è un apprezzabile monologo. #vincere facile, voto: 8

 

10) Cagliari: forse, ma forse, il problema non era l’allenatore. #ahia, voto: 4

 

11) Lazio: Felipe Anderson è in realtà Cristiano Ronaldo preso in affitto a prezzo stracciato da Lotito per via di una vecchia storia di escort che in realtà erano trans. #offerte irrifiutabili, voto: 8

 

12) Sampdoria: vedere giocare Okaka fa lo stesso effetto della cassetta di The Ring o del ricevere una visita del buon Sinisa mentre sei ignaro sotto la doccia. #hopaura, voto: 4

 

13) Genoa: per la serie “Complicarsi le cose”. #mannaggia mannaggia, voto: 5

 

14) Atalanta: per la serie “Vanificare le cose” #pota pota, voto: 5

 

15) Chievo: mi rifiuto di commentare questa partita #libertà civile

 

16) Torino: Come sopra #libertà civile

 

17) Empoli: seconda partita incommentabile della giornata. Da annotare un caffè borghetti rovesciato sulle tribune al 20’ del secondo tempo. #colpo di scena, voto: 4

 

18) Verona: Toni fa wrestling più che giocare a pallone, gli altri non so neanche come si chiamino. #anonimo, voto: 4

 

19) Cesena: il Cesena ci prova. Il Cesena perde. Il Cesena. #teorema, voto: 4

 

20) Napoli: Infierisce su dieci cadaveri e Cascione. #necrofilia, voto: 7

 

 

Fine delle trasmissioni per ora.

JL


 

Jacopo Landi, sangue misto nato nell'aprile del 1988 in quel di Milano ma in realtà appartenente (in parti uguali), per origini, a: Emilia Romagna, Toscana, Valle d'Aosta, Lazio, Abruzzo ed India. Lavora un po' in tutti i settori possibili, tranne quello del narcotraffico. Matura esperienza come giornalista, prima cinematografico e poi sportivo presso il giornale on-line Italia Post, il sito calciomercato.com e le collaborazioni coi giornalisti Fabrizio Biasin e Alfredo Pedullà. Ha inoltre collaborato con la compagnia teatrale "I Birbanti" e firmato un corto personale "Una birra al bar" tratto da una novella del buon (e sacrosanto) Bukowski. Dal 2013 collabora prima con la Nella Longari arte, poi con la M77 Gallery e infine con la Renata Fabbri Arte contemporanea; prima di tornare nel mondo della produzione in qualità di sceneggiatore. Non potrebbe vivere senza filosofia, donne, cinema, whisky e buona musica. Collabora con Sportellate perché dopo il video di Corona sul "pene" di Adriano non riteneva di poter essere da meno.