Article image
, ,
2 min

- di Jacopo Landi

Pagellone della 15a giornata di Serie A


Juventus: se il primo tempo finisse 16 a 0 non ci sarebbe nulla da dire, anche se l’unico gol che segna parte da un calcio d’angolo battuto 4 metri avanti. Il secondo tempo gioca leziosa come la principessa sul pisello e infatti alla fine il pisello arriva. #cazzi acidi, voto: 5

 

Sampdoria: passa tutto il primo tempo a guardare che bello stadio sia lo Juventus Stadium. I giocatori fanno foto e girano l’impianto. Durante l’intervallo il presidente Ferrero spruzza gioia su tutta la squadra che rientra in campo trasformata e strappa un punto preziosissimo. #allenati che fa bene, voto: 7

 

Milan: prestazione eccellente dei rossoneri, tanto che a San Siro si chiedono se non stiano guardando lo United in tournèe. #e questo che cacchio era ?, voto: 8

 

Napoli: non voglio sprecare più di una riga per una squadra che fa giocare Koulibaly, Britos e Albiol. #shit, voto: 4

 

Genoa: gioca un’ottima partita, ma è difficile giocare in 10 contro 12. E infatti le cose vanno come devono andare #una mano lava l’altra, voto: 6

 

Roma: vince la partita, il rigore è solare, ma l’impressione di una serie di mirati aiutini è costante. Nainggolan sempre più antipatico. #abbattetelo, voto: 6

 

Palermo: Dybala è un mostro, Vazquez bellissimo da veder giocare, ma come difesa stiamo parlando di un water a pedali. #non tutte le ciambelle riescono col buco, voto: 7

 

Sassuolo: già non sei il Real Madrid, poi con arroganza finisci la partita in 5 di cui uno è tuo cugino obeso, non sorprenderti se non fai punti. #aiutati che il ciel t’aiuta, voto: 5

 

Lazio: niente è mai scontato con Mauri in campo. Il suo gioco preferito ? Monopoli, tra cassa e prigione una volta sì e l’altra pure. #banda bassotti, voto: 7

 

Atalanta: Denis è passato da carro armato a trattore in tempo 0.2 secondi. Un record che a Bergamo proprio non cercavano. Neanche l'infortunato CR77 può fare qualcosa. #ma mi facci il piacere, voto: 4

 

Parma: una delle due protagoniste della partite più anima dai primi anni ’70 ad oggi. #ma che diavolo..voto: NC (non classificabile)

 

Cagliari: l’altra protagonista, il discorso non cambia...

 

Udinese: se a tirare la carretta dev’essere ancora il solo Di Natale e il portiere apre le gambe come una ballerina di can can è difficile vincere. #cattivi pensieri, voto: 4

 

Verona: dopo otto partite torna a prendersi i tre punti. Domani sbronza per tutti al campo. #finalmente, voto: 7

 

Cesena: 5 gol segnati, tutti dalla Fiorentina... C’è altro da aggiungere. #disagio, voto: 3

 

Fiorentina: fa tutto da sola, proprio tutto. #egocentrica, voto: 7

 

Pronostici:

 

Chievo: uno stadio che assomiglia più al Colosseo che a un campo da calcio e l’Inter che ha solo un’ora di partita nelle gambe. L’impresa non è proibitiva.

 

Inter: giocatori scarsi e condizione fisica assente, speriamo se ne infortunino ancora un paio e che scenda in campo il Mancio.

 

Empoli: la squadra di Sarri piace ma deve arginare un Torino in grinta dopo la cinquina europea.

 

Torino: in fiducia dopo il risultato europeo ma oggi sarà tutta un’altra storia.

 

Fine delle trasmissioni. Per ora.

JL


 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE...

Nato il 6 aprile del 1988 a Milano figlio orgoglioso di una città che ama con odio. Nelle vene sangue misto che ne fanno un figlio del mondo senza fissa dimora. Tra un gin tonic e un whiskey ben concepito ha consacrato la propria esistenza all’arte della buona musica con De Andrè, Shane McGowan e Chat Baker a strapparsi pezzetti di anima. Il cinema come confessione condivisa. L’amore per la beat generation e per quel mostro di James Dean. Interista con aplomb anglosassone per il gioco più bello del mondo. Crede che verranno tanti giocatori meravigliosi ma più nessuno con la corsa di Nicolino Berti.

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
clockcrossmenu