Article image
4 min

- di Lorenzo Lari

Pagellone calciomercato Serie A (1a parte)


Fatemelo dire: finalmente la sessione estiva di questo calciomercato è giunta al termine. Sottolineerei il finalmente.
Non so voi, ma il sottoscritto di sentire Laudisa aizzare il popolo bianconero su Falcao, di vedere in Premier spendere milioni come fossero noccioline mentre qua si andava avanti con prestiti su prestiti, di vedere accostati al Milan ogni mattina 54 nomi diversi, di soffrire con Bargiggia che un giorno sì e l'altro pure dava per fatti Pogba al Psg e Vidal allo United, di aspettare con ansia qualche acquisto in casa Empoli e di sorbirsi su Sky ad ogni ora del giorno Di Marzio (di gran lunga il più affidabile nel settore), non ne poteva veramente più.

Twitter, SkySport 24, Gazzetta.it e chi più ne ha, più ne metta. La ricerca della notizia era ormai una malattia, un qualcosa di morboso che mi attanagliava dentro.
Per fortuna è finita. Per fortuna da ora in poi per qualche mese, si parlerà solo di calcio giocato (se vogliamo essere più precisi: di quel rigore non fischiato e quell'espulsione inventata).

Per chiudere come Dio comanda questo povero mercato estivo, perché tanta sofferenza e tanto tempo perso non sia stato totalmente sprecato, è però d'obbligo presentarvi il pagellone del mercato targato Sportellate.
Godetevelo e non prendetelo troppo sul serio:

ATALANTA
Se non è rivoluzione poco ci manca. E' rimasto Colantuono e quindi il credo calcistico resterà lo stesso, ma gli interpreti sono completamente nuovi. Vedere Super Mario Yepes svincolato fa male al cuore, ma bene Biava a parametro zero. Attenti a Zappacosta, giovane di buone speranze e dal cognome indiscutibilmente bello. Importante il ritorno di Papu Gomez, mentre forse Bonaventura e Consigli si potevano vendere per qualche denaro in più. Salvezza tranquilla.
Spese: 10,5 Entrate: 12,7
Saldo: +2,2
VOTO 6

Bonaventura che firma il contratto e il Condor Galliani

Bonaventura alla firma del contratto con il "condor" Galliani.

CAGLIARI
Mi viene facile immaginare i tifosi cagliaritani speranzosi fino all'ultimo nel vedere arrivare un primo portiere e un degno sostituto di Astori (non me ne voglia Ceppitelli). E' andata male: il boemo non ne ha voluto sapere. L'unico colpo di rilievo resta quindi quello in panchina. Faranno divertire. Forse.
Spese: 12,4 Entrate: 10,1
Saldo: -2,3
VOTO 5

CESENA
Squadra tanto triste quanto solida. La dichiarazione di Bisoli “Si può ottenere la salvezza anche con 38 pareggi” la riassume meglio di ogni altra cosa. Benissimo Leali e Lucchini per il reparto difensivo. Se Carbonero è forte solo un quarto di quanto si dice, roba che si salvano.
Spese: 1,9 Entrate: 1
Saldo: -0,9
VOTO 5,5

CHIEVO
Tantissima carne al fuoco. Un elenco infinito di acquisti (tra cui spiccano i nomi di Birsa, Maxi Lopez e Bardi) e almeno due cessioni pesantissime (L.Rigoni e Thereau). Botta fa sognare, incomprensibile la presa di Schelotto, tanto brutto quanto scarso. Izco darà equilibrio. Il saldo monetario è abbastanza in negativo: vietato retrocedere.
Spese: 9,7 Entrate: 4,8
Saldo: -4,9
VOTO 6

EMPOLI
E' stato bello vedere come la casella acquisti in casa Empoli, sia rimasta vuota fino al 15 Agosto. Poi qualcosa si è mosso (Vecino, Laxalt...), ma troppo poco. Rugani e Verdi non bastano: retrocessione scontata.
Spese: 0 Entrate: 0
Saldo: 0
VOTO 4,5

FIORENTINA
Mercato a due facce. Due mesi di immobilismo, per poi riuscire a portare a casa prima Marin (qualche anno fa questo non lo prendevi mai) e sul gong del mercato Micah Richards, Kurtic e Badelj dall'Amburgo. In tutto ciò si è riusciti pure a confermare senza troppe difficoltà Cuadrado. Ora sta a Montella, non esente da colpe alla prima di campionato, riuscire a far quadrare il tutto (scusate l'orribile gioco di parole).
Spese: 23,1 Entrate: 5,6
Saldo: -17,5
VOTO 6,5

GENOA
Ho sempre odiato le campagne acquisti di Preziosi e i suoi inutili stravolgimenti di rosa. A sto giro però gli devo dare atto di due cose: 1) non aver rivoluzionato il reparto difensivo 2) aver portato nella nostra desolata Serie A una serie di giocatori per palati fini. Lestienne e Perotti hanno qualità, Edenilson non lo conosco, ma ne ho sentito parlare in maniera entusiastica. In tutto ciò aggiungiamoci un Pinilla più carico di Galliani davanti ad un parametro zero e il dado è tratto. Intriganti.
Spese: 7,6 Entrate: 13,9
Saldo: +6,3
VOTO 6,5

INTER
Andrò controcorrente, ma il mercato dell'Inter mi è sembrato mediocre. Si era partiti benissimo, liberandosi dei “tripletisti” e di ingaggi ingombranti. Si è continuato poi a seguire una linea precisa, accontentando in tutto per tutto l'allenatore. Ma è proprio questa linea che non sono riuscito a mandar giù (se ti chiami Inter una titolare con 5 difensori e 2 mediani è un pelino troppo). Riguardo ai singoli: ok Vidic, che da noi può ancora fare la voce grossa e ok Osvaldo a quelle condizioni. Medel e M'Vila onestamente mi sembrano invece due doppioni: ad uno dei due avrei tranquillamente rinunciato. Rivedibile la gestione Guarin, ora sta al ragazzo dimostrare quanto vale. Manca un quarto attaccante, ma per Mazzarri questo non sarà mai un problema.
I risultati potranno arrivare, il gioco credo proprio di no.
Spese: 11,8 Entrate: 10,9
Saldo: -0,9
VOTO 6

JUVENTUS
Chi critica occhio vispo Marotta permettetemi di dire che a questo giro ci ha capito poco. Con un 11 titolare difficilmente migliorabile, si è andati giustamente a rinforzare il reparto di gran lunga più scadente della rosa bianconera: la panchina. E allora dentro Morata per Osvaldo, Coman per Quagliarella, Evra per Peluso, Pereyra per Vucinic, più un Romulo pronto all'evenienza ed un Marrone a pieno regime. Inaspettatamente è rimasta pure l'accoppiata Vidal/Pogba, e alla fine si è chiuso con un saldo positivo di quasi 8 mln. Unica pecca? Io uno sforzo per un “top player” in difesa l'avrei fatto. Mister Allegri, buon divertimento.
Spese: 17,8 Entrate: 25,7
Saldo: +7,9
VOTO 7,5

marottaaa

Marotta: " Per Falcao era cosa fatta. Abbiamo provato di tutto per spalmare l'ingaggio del giocatore, peccato si sia rifiutato di vivere per 126 anni".

LAZIO
Provo disgusto per Lotito e la sua cricca, ma cavoli che bei giocatorini che ha regalato a Pioli: il miglior difensore del Mondiale appena passato, De Vrij, oltre a Basta, Parolo e a questo Gentiletti che promette bene. Se credono nel progetto, Klose resta integro e Keita si conferma un crack clamoroso, possono togliersi delle belle soddisfazioni. Staremo a vedere: di sicuro quest'anno "il tutore di Tavecchio" (cit.) ha tirato fuori il grano.
Spese: 24,5 Entrate 0
Saldo: -24,5
VOTO 7

 

Per studiarvi l'elenco di tutti i movimenti delle 20 squadre di Serie A, andate qua:  http://www.sportlive.it/calciomercato/calciomercato-estivo-acquisti-cessioni-tabella-1-settembre-2014.htm

(fine 1a parte)

 


 

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE...

Nato a Rimini l’11/06/1990. Laureato in Giurisprudenza, adora disquisire di sport ed America. Ogni tanto scrive, solitamente legge. Sogna un giorno di poter assistere ad una partita allo Staples al fianco di Jack Nicholson.

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
clockcrossmenu