Interventi a gamba tesa

Il gigante buono


È uno dei giocatori più interessanti del campionato Inglese, ed è ora che il suo nome abbia il giusto peso anche in Italia.


Si chiama Adebayo Akinfenwa ed è famoso per essere il calciatore più pesante d’Europa: pesa 106 kg, quanto il rugbista gallese Huw Bennett e il linebacker (football americano) Denver Broncos Von Miller, con un BMI (indice di massa corporea) di 30,6. Ciò significa che è tecnicamente obeso.

Le sue dimensioni hanno portato a Adebayo scherno e derisione per tutta la sua carriera, visto come uno scherzo della natura grasso e grosso, veniva canzonato dai tifosi avversari con cori quali: “Chi ha mangiato tutte le torte?” oppure con invettive di minore eleganza come : “ Grassone di m***a!!”
Ma le sofferenze del grosso calciatore non finiscono qui. Per anni ha dovuto convivere con lunghi e numerosi infortuni, dovuti alla sua stazza fisica. Come quando giocava nello Swansea. Dopo un colpo di testa, ricadendo si è rotto una gamba. Atterrato, il peso del busto era tale da non poter esser sostenuto dalle sue gambe.
Molte persone lo vedono come un fenomeno da baraccone. È facile capire il perché. Lui non ha l’aspetto di un calciatore. Nessuno vedendolo lo definirebbe un atleta. Eppure per anni si è fatto strada tra le difese della League 1 e League 2 come un bulldozer, usando il suo fisico massiccio con buoni risultati.

Adebayo Akinfenwa, famoso per essere il calciatore più pesante d’Europa: pesa 106 kg, quanto il rugbista gallese Huw Bennett e il linebacker(football americano) Denver Broncos Von Miller, con un BMI (indice di massa corporea) di 30,6. Ciò significa che è tecnicamente obeso.


Pochi giocatori sono forti di natura quanto Adebayo, il quale usa la propria forza per spazzare via in un sol colpo i numerosi difensori che gli si aggrappano come possono, per poterlo fermare. Come un bue che scaccia le piccole mosche che gli ronzano attorno durante il pasto. In realtà Akinfenwa non è l’unico calciatore dotato di prestanza fisica nella Ligue 2 inglese e gli faremmo un torto se non citassimo anche le sue abilità.
Ciò che lo distingue dagli altri bestioni del calcio è che può addirittura spostarsi con la palla! Forse gli manca il passo, ma ha un gran controllo palla per essere un omone gigante,tanto che è quasi impossibile portargliela via. Ciò lo rende agli occhi degli spettatori un enorme carrarmato che palleggia e calcia un pallone, con minuscoli calciatori che gli corrono contro fino a rimbalzare in punti imprecisati del campo. Uno spettacolo comico, esilarante.

 "i difensori rimbalzano in punti imprecisati del campo..."

La sua media realizzativa dimostra che è un vero bracconiere. Ha segnato 7 gol per il Northampton nelle ultime quattro partite, tra cui una tripletta a Accrington il 10 novembre. Ha una forte presenza aerea e si trova sempre in ottima posizione per segnare. Inoltre ha già siglato 12 reti in questa stagione,cosa che fa di lui l’attuale capocannoniere della League2.
Akinfenwa è un attaccante formidabile, nonché un incubo per la maggior parte dei difensori della League 2, ma è la sua personalità che lo rende realmente caro agli appassionati di calcio. Un uomo profondamente religioso, è spesso visto come un gigante buono fuori dal campo. Quasi come il buon Johnn Coffey, il personaggio de “ Il miglio verde”, gigante nero condannato alla pena di morte ingiustamente, e dotato di poteri miracolosi.
Indipendentemente dalla forma, è uno dei personaggi più vivaci dello spogliatoio e l’unicità di Akinfenwa fa sì che sia molto noto tra gli appassionati di calcio inglese, ma troppo spesso le persone lo guardano e non riescono a vedere oltre le sue dimensioni, dimenticando le sue abilità e la sua vena realizzativa che lo rendono uno dei migliori calciatori di tutta la League 2.

Alberto Paternò, Rimini. Nato nel vecchio millennio, in un'afosa giornata di luglio. Partorito tra ombrelloni e lettini della riviera romagnola, sfoga subito la rabbia per la venuta al mondo calciando ossessivamente Super Tele e Super Santos. Da quel giorno sopporta stoicamente l'esistenza, sguazzando nei campi melmosi della periferia riminese e sognando di diventare un giorno il nuovo Pessotto. Co-fondatore di Sportellate.it

4 Responses to “Il gigante buono”

  1. Dentist in Durban

    … [Trackback]

    […] Here you will find 60097 more Info on that Topic: sportellate.it/2013/12/11/il-gigante-buono-akinfenwa/ […]

  2. Cycling Tour

    … [Trackback]

    […] Read More Info here to that Topic: sportellate.it/2013/12/11/il-gigante-buono-akinfenwa/ […]

Comments are closed.