Article image
2 min

- di Giacomo

Ma sto Faraone?! I Problemi di El Shaarawy.


Nel calcio di oggi ogni tanto escono notizie sul calcio di ieri davvero clamorose che mi lasciano a bocca aperta. Cose che non si potevano o non si dovevano rivelare prima ma di cui prima o poi bisogna togliersi il peso. Un esempio per tutti: la malattia del Fenomeno che ne sbilanciava il peso, o sempre del Fenomeno il fatto che prima della finale del Mondiale (in cui sembrava drogato) era stato avvelenato e rischiò di morire.

Ce ne sarebbero altre ma queste rendono l´idea.   Chissà che tra 10 anni non ne verrano fuori ancora di queste notizie, magari le più impensabili o improbabili: ce lo vedreste un Ibra latin-lover omosessuale o un Boriello nazista!? Ma dai!   Quella su cui punto io, ma che con tutta probabilità, come succede in questi casi rimarrà insabbiata per bene è la storia di El Shaarawy. 


A cosa mi riferisco? Penso che Stephan abbia un problema, un mistero, ed anche pesante.   I primi dubbi mi sono venuti quando dopo qualche brutta prestazione nel girone di ritorno è stato totalmente escluso da Allegri (che per carità, ritengo competente per molte cose ma non per la gestione di Stephan), ma poi questi dubbi hanno continuato a sussurrarmi all´orecchio altri dubbi dovuti al fatto che uno delle sue qualità (rare) e con l´apporto che aveva dato alla squadra (da leader,che non è) ricevesse un trattamento per lo meno strano.

Mi sono quietato pensando che ci fosse qualche screzio con Allegri, o nello spogliatoio, e che magari Stephan fosse uno come gli altri e per un momento ho lasciato perdere.

La ConfCup però ha risvegliato questi dubbi: senza Balotelli piuttosto giocava Gila (il figliol prodigo) o addirittura Diamanti e si cambiava modulo, ma mai tranne per pochi minuti una chance vera ad El Shaarawy. E Prandelli con i giovani ci sa´ fare, non è uno che li taglia fuori per niente. Alle domande dei giornalisti sono sempre emerse scuse strane su di lui: fuori condizione, problemi a livello mentale, periodo no, sotto tono.   Ma cosa c´è sotto?   Ebbene qualche settimana fa, Veronica Baldaccini a Speciale Calciomercato, ultima puntata prima della pausa di Agosto diceva questo su ElSha: << Ho lavorato come inviata a Milanello negli ultimi anni e conosco quasi tutti dell´ambiente. Ho molta confidenza con alcuni di loro. Tutti dicono che El Sharaawy ha problemi fuori dal campo, chiamiamole "distrazioni". Non posso dire altro. >>.

Una di quelle frasi che ai più non ha detto molto, ma dato le idee che mi ero fatto io beh è stato il dubbio che torna a sussurrarmi la stessa domanda: Cosa c´è dietro ElSha? Cosa fa sto ragazzo? Perchè è così forte ma così poco considerato?   Ora ripenso alle foto in vacanza con la morosa (località segreta eh...) e altre 6 persone: bodyguards... Neanche Maradona...


 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE...

Giacomo, Bologna, 23/04/1989. Ex top 20 del ranking italiano cadetti di scherma. Ama lo sport e la buona cucina.

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
clockcrossmenu