Article image
3 min

- di Andrea Ravasi

Nemici Amici


Nemici Amici non è soltanto il titolo di un film, ma anche il titolo che si potrebbe dare al prossimo derby della Madonnina (Domenica 13/09 ore 20.45 San Siro).


Hkg10197516_mediagallery-page

 


I due principali protagonisti, infatti questa volta, sono seduti sulle due "nuove" panchine dello stadio Giuseppe Meazza e rispondono ai nomi di Roberto Mancini e Sinisa Mihajlovic.

Mancio e Miha si conoscono sin dai tempi della Sampdoria e poi hanno proseguito la carriera insieme, uno in panchina e l'altro in campo, alla Lazio e all'Inter, dove poi Sinisa è passato a fare il vice di Roby, come lo chiama lui, prima di intraprendere la carriera da head-coach; domenica i due si affretteranno per la prima volta in un derby ufficiale che si prospetta scoppiettante, avvincente e ricco di colpi di scena; dopo che il serbo ha vinto, quest'estate in Cina e al Trofeo Tim, quelli "amichevoli", anche se di amichevole in un derby non c'è mai nulla.


 

Inter_mucchio_Nagatomo_thumb400x275


 

Il Macio si avvinca alla stracittadina con un'Inter prima in classifica, con due vittorie su due poco convincenti ma molto importanti e una squadra stravolta dagli ultimi giorni di mercato con Telles, Felipe Melo, Ljalij e Perisic;



calendario-milan-2015-2016


sull'altra sponda del naviglio Mihajlovic arriva al Derby con un'aria già pesante che aleggia nei corridoi di Milanello, infatti si inizia a parlare di un possibile esonero per il serbo a causa del suo modo di fare, (quelli che pensano con la loro testa non sono ben accetti a Casa Milan vedi Leonardo e Seedorf prima e ora probabilmente Miha) che solo il tempo può scacciare.

I due si apprestano, come noi di Sportellate abbia già spiegato in due articoli uno sul Milan e uno sull'Inter, a giocare con il "nuovo" 4-3-3 per la squadra di casa e il "classico" 4-3-1-2 per gli ospiti.

Quello che determinerà una vittoria o una sconfitta sarà la cura dei particolari e la capacità di una giocata d'autore. Con una vittoria l'Inter si porterebbe a +6 dopo 3 giornate, e in caso di vittoria del Milan si potrà vedere il cosiddetto aggancio in classifica. Saranno gli equilibri che le squadre riusciranno a mettere in campo a determinare chi vincerà. Se l'Inter riuscirà a chiudere gli spazi per le verticlaizzazioni, che il Milan cercherà con le due punte sopratutto, allora il tridente offensivo avrà la possibilità di punire il Milan poco propenso a difendere uno contro uno; dall'altra parte parte se si riuscirà a superare i limiti, vedi sopra, difensivi e a velocizzare il gioco sopratutto sulle fasce allora per l'Inter saranno problemi, dato che i suoi esterni non hanno ancora appreso a fare le diagonali al meglio.


 

Unknown

 


Se la partita si svilupperà in un senso o nell'altro noi non possiamo saperlo sfortunatamente, ma solo il campo potrà dircelo; di certo i due uomini copertina saranno loro i Nemici Amici che si apprestano a vivere un derby da avversari e non da condivisoti della stessa panchina. Entrambi sperano di emulare i loro predecessori in un caso Mourinho, quando proprio ad Agosto (più o meno lo stesso periodo) umiliò il Milan con un roboante 4-0 e mise la prima pietra per il Triplete; l'altro vorrà ripetere il famoso 6-0 per scacciare le nubi e riportare il sereno a Milanello e riallacciare il suo rapporto con il più allenatore dei presidenti.


C_29_fotogallery_1007440__ImageGallery__imageGalleryItem_25_image


 

Prepariamoci a vivere un Derby emozionante e scintillante dove speriamo di vedere tanto spettacolo in campo, perché sugli spalti ci saranno coreografie spettacolari, speriamo che Jovetic e Bacca, Guarin e Bonaventura e Icardi e Luiz Adriano ci regalino duelli avvincenti e giocate memorabili degne dei campioni del passato che hanno indossato queste gloriose maglie.


coreografia_derby


 

Alla fine quando c'e il derby tutti siamo un po' milanesi, Bauscia o Casavit, perché è il derby con più trofei al mondo perché alla fine Milano è la capitale calcistica d'Italia, perché il derby è vissuto con passione e rispetto in una delle città più importanti al mondo. E allora buon derby a tutti e vivetelo con una persona dell'altra sponda perché gli sfotto tra interisti e milanisti, durante un derby, sono la cosa più bella del calcio 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE...

Nato nel 1994 a Treviglio (BG), laureato in Management presso l'Università L. Bocconi. Tifoso interista dalla nascita e amante del calcio, un poco di buona musica non guasta mai. Collaboratore @Sportellate.

Cos’è sportellate.it

Dal 2012 Sportellate interviene a gamba tesa senza mai tirarsi indietro. Sport e cultura pop raccontati come piace a noi e come piace anche a te.

Newsletter
Canale YouTube
clockcrossmenu