Interventi a gamba tesa

Tra aquile, cafeteros e giocatori del Real Madrid: Russia 2018 2^ giornata – 2^ parte


Mondiali in Russia, vediamo nel dettaglio la situazione dopo la seconda giornata per i gironi E, F, G e H.


GIRONE E

Il Brasile soffre, ma si salva, la Svizzera si avvicina agli ottavi, Serbia sciupa l’occasione, Costa Rica già fuori.

O’Ney in lacrime al triplice fischio di Brasile-Costa Rica 2-0 è l’emblema delle difficoltà che sta vivendo il talento ex Santos, attualmente al PSG. Ci prova in tutti i modi gli va dato atto, viene anche da un brutto infortunio che ne ha condizionato gran parte della stagione e la preparazione a questo evento, stavolta calci ne prende di meno rispetto alla tignosa Svizzera, qualcuno se li inventa, forse un po’ perseguitato, si esibisce anche in un tuffo in area criticabile che gli costa l’ammonizione. Anche lui si dimostra umano soffrendo la pressione. Il Brasile domina, ma per vincere deve aspettare il lunghissimo recupero, si rischiano spettri argentini nella testa dei verdeoro, ma la qualità alla lunga viene fuori e il 2-0 finale contro la nazionale del centroamerica, sembra il minimo. Douglas Costa come visto già quest’anno con la Juventus è un uomo decisivo a partita in corso, anzi azzardiamo: è devastante. Coutinho è il vero uomo in più in questo momento, è il Brasile si conferma, pur tra le difficoltà, la favorita numero uno di questo mondiale.

Nella serata di venerdì Svizzera-Serbia è una partita attesa per mille motivi, anche e forse soprattutto extra calcistici e non delude le aspettative. Xhaka è un giocatore che quando si sveglia con il piede giusto sa interpretare il suo ruolo in modo magnifico e completo, peccato per la sua indole e la discontinuità altrimenti sarebbe un mediano top assolutoShaqiri invece si conferma uomo di punta quando la partita conta, altro giocatore da amnesie incomprensibili, ma quando la partita pesa su di lui ci puoi contare. La Serbia dopo l’1-0 meritava il raddoppio, ma le partite vanno giocate fino alla fine e la vittoria nel finale dei rossocrociati, guidati tatticamente in modo superbo da Petkovic, cambia in modo clamoroso le sorti del girone. La Serbia, con un Milinkovic-Savic opaco, infatti potrebbe provare nell’ultima partita un clamoroso sgarbo al Brasile (per passare il turno deve per forza vincere e vincendo potrebbe eliminerebbe il Brasile). La Svizzera deve continuare su questo livello perché contro il Costa Rica già eliminato, non sarà una passeggiata di salute.

Prossimo Turno
Svizzera-Costa Rica 27 giugno ore 20
Serbia-Brasile 27 giugno ore 20

Percentuali passaggio agli ottavi
Brasile 45%
Svizzera 40%
Serbia 15%
Costa Rica

GIRONE F

Kroos è croce e delizia, Vela e Lozano solo delizia, la Svezia è brutta ed è quasi fuori, la Corea è brutta ed è già eliminata.

Il Messico fa meno lo splendido rispetto alla partita con la Germania, ma chiude la pratica Corea portando a casa i 3 punti, trascinata da Vela e Lozano e archiviando così la qualificazione (che però a causa al risultato della sera, non è più così blindata). La Corea si conferma squadra involuta e in difficoltà. Son e soci hanno fatto decisamente meno di quanto ci si poteva attendere dalla nazionale asiatica, sulla carta la più forte del loro continente, ma che invece in una classifica di merito si pone appena sopra a Arabia Saudita, Panama e Tunisia.

Salve sono Toni Kroos e risolvo problemi.

In serata invece in Svezia-Germania succede di tutto e di più. La Germania attacca e domina, schiaccia la Svezia negli ultimi 25 metri, ma i nostri giustizieri sono squadra terribile e in contropiede prima reclamano un rigore netto e poi segnano con Toivonen il vantaggio. La Germania per 25 minuti è eliminata dal Mondiale dopo due partite. Nella ripresa Loew riacquista il senno dimostrando perché da tempo guida la Mannschaft a certi risultati: inserisce Gomez al posto di un disastroso Draxler, sposta Werner sulla sinistra e proprio da quel lato, la ribalta e torna in piena corsa, anzi con un piede e mezzo (visto che l’ultimo turno la vedrà contro la Corea) negli ottavi. Personalmente nella nazionale tedesca segno un nome su tutti, uno dei giocatori più sfigati degli anni 2010, che per i gravi infortuni non ha mai potuto spiccare il volo nel gotha mondiale: Marco Reus, continua spina nel fianco, autentico trascinatore ieri sera e uno degli ultimi a mollare. E poi c’è Toni Kroos, altro uomo del Real Madrid, irriconoscibile per 180 minuti, poi un suo gol nel recupero rilancia la nazionale tedesca.

Prossimo Turno
Messico-Svezia 27 giugno ore 16
Corea del Sud-Germania 27 giugno ore 16

Percentuali passaggio agli ottavi
Messico 55%
Germania 35%
Svezia 10%
Corea del Sud

GIRONE G

Lotta – per modo di dire – verso il passaggio del turno già conclusa: Belgio e Inghilterra troppo superiori, Tunisia ingenua, Panama disastrosa.

Alcune nazionali, anche tra le big, hanno già dovuto dare fondo all’arsenale per passare il turno o tornare in corsa per gli ottavi, altre invece quasi in surplace o senza patire si sono qualificate agli scontri diretti della seconda fase. Il Belgio è una di queste, in silenzio, perché al Mondiale l’attenzione fino a oggi è tutta catalizzata da Ronaldo, Messi e Neymar, è già agli ottavi, dove raggiunge Francia, Croazia, Russia e Uruguay. Lukaku è una bestia infallibile, Hazard nettamente meglio rispetto alla partita col Panama segna e sforna assist dimostrandosi finalmente leader. Mertens è decisivo, mentre De Bruyne deve ancora dare il suo apporto: pensate quanto potenziale. Concede qualcosa dietro è vero e su questo dovranno lavorarci. La Tunisia non è nemmeno male, ma le squadre nordafricane (tutte e tre eliminate con zero punti in sei partite), arrivano a questo Mondiale con una dose di ingenuità da fare invidia ad un adolescente.

L’Inghilterra ci mette sette minuti a mettere la pietra sulla qualificazione in quello che già alla vigilia sembrava il girone meno equilibrato: ora con il Belgio si giocheranno il primo posto che ha un’importanza relativa, conterà di più in quale parte del tabellone infilarsi visto lo squilibrio che si potrebbe creare. Kane firma la seconda tripletta di questo mondiale e si mette davanti Ronaldo e Lukaku: ora è in piena corsa per il  titolo di cannoniere. Attaccante devastante, pensate dovesse finire anche lui al Real. Gli schemi dell’Inghilterra da calcio da fermo sono letali, ma Panama, da rivedere, 5-o a fine primo tempo in un mondiale si era visto solo altre tre volte (l’ultima volta nel 2014 Germania-Brasile 5-0). Il risultato finale è un cappotto.

Prossimo Turno
Inghilterra-Belgio 28 giugno ore 20
Panama-Tunisia 28 giugno ore 20

Percentuali passaggio agli ottavi
Inghilterra Q
Belgio Q
Tunisia
Panama

GIRONE H

La Colombia gioca una delle migliori partite del Mondiale, ma forse non basta, Senegal e Giappone danno spettacolo e nel girone più equilibrato ne fa le spese la Polonia: prima europea eliminata a questo mondiale.

Nella partita del pomeriggio tra Giappone e Senegal si gioca per il primo posto e per far fuori in qualche modo le favorite del girone Polonia e Colombia. Va in scena una partita spettacolare, ricca di gol, 2-2 il risultato finale con Inui – già tra i migliori nella partita contro la Colombia-  e l’ex Milan Honda – già assist decisivo nella prima partita – che raggiungono per ben due volte il vantaggio Senegal, firmato prima dal leader tecnico Manè e poi da Wague.

In serata invece Polonia-Colombia è uno spareggio: chi perde va fuori, chi vince è ancora in corsa. Il match è tutto di marca colombiana, che mette in campo tanta qualità, con Quintero – mi domando come questo giocatore non abbia sfondato nel calcio che conta, tecnica meravigliosa, geniale, straripante, sì ho sempre avuto un debole per lui –  che fa girare bene la palla e Cuadrado sempre pericoloso con i suoi dribbling, la Polonia invece è a tratti inguardabile. I Cafeteros sono  la miglior sudamericana della seconda giornata almeno per gioco offerto, ma anche per risultato finale e oltre ai già citati  in campo hanno tanta qualità con Falcao e James. Questa vittoria potrebbe non bastare però e tutto si deciderà nel prossimo turno, dove in Colombia-Senegal la squadra africana avrà a disposizione due risultati su tre, mentre la Colombia potrà solo vincere, la Polonia invece, deludentissima, è la prima europea eliminata. Falcao stravince la sfida con Lewandowski una delle stelle di questo mondiale, forse la più spenta insieme a Messi.

Prossimo Turno
Senegal-Colombia  28 giugno ore 16
Giappone-Polonia 28 giugno ore 16

Percentuali passaggio agli ottavi
Senegal 35%
Giappone 35%
Colombia 30%
Polonia

Classifiche Individuali



 

Se ti è piaciuto questo articolo, leggi anche:

Classe '82 come Contador, Kakà e Gilardino, ma non ho mai vinto né Tour de France, né Champions League, né Mondiale. Ho praticato diversi sport, ma gli unici che mi si addicono davvero bene sono quelli da vedere sul divano. Juve, fumetti, cinema horror, ciclismo e cibi unti, le mie più grandi passioni.