Interventi a gamba tesa

Juve-Fiorentina 2-1, bar sport post partita


Da buoni italiani medi, amiamo il calcio e il bar sport. Mescolandoli di solito si ottengono risultati aberranti, ma noi ci abbiamo comunque provato. 


Gian Marco Porcellini (@piskeporc): “Ciao caro, hai visto Juve-Fiorentina ieri? Direi un 2-1 che non rispecchia il dominio esercitato dalla Juve sulla partita. Per dire, nella somma dei gol attesi la Fiorentina è arrivata appena a 0,2!”

Lorenzo Lari (@lorenzolari90): “Vista e rivista, non un brutto esordio per i bianconeri. Soprattutto l’intensità del primo tempo penso abbia stupito pure Allegri. Nella ripresa si è passeggiato, ma ad Agosto va bene così. Un po’ troppo spenta la viola per venire a far risultato allo Stadium o sbaglio?”

GMP: “Al di là del pareggio di Kalinic, che ritengo episodico, non mi è mai sembrata in partita. In fase di possesso in particolare ha pagato la serata no di Bernardeschi (3 dribbling riusciti ma 4 palloni persi) e Ilicic (0 dribbling e 2 persi), non riuscendo mai a risalire il campo, se non appoggiandosi su Kalinic e Tello nella ripresa, entrato al posto del rookie Chiesa junior. A proposito, come l’hai visto? E soprattutto la ritieni una scelta tecnica o una provocazione nei confronti del mercato della dirigenza?”

LL: “Guarda, prima del fischio d’inizio avrei optato per la seconda, ma il ragazzo ha dimostrato che in campo coi grandi può tranquillamente starci. Primo controllo e frequenza di passo ai livelli top. Sul resto ancora difficile esprimersi, però è già un’ottima base. Certo che è uno spettacolo vedere nella Fiorentina l’accoppiata Chiesa-Hagi: magari negli anni ’90 potevano incutere un po’ più di timore, ma va a capire tra 10 anni… Passando alla Juve chi ti ha impressionato in positivo? Chi invece rimandato?”.

Ps: ma che sinistro aveva Gheorghe Hagi?

GMP: “Di rimandare qualcuno dopo una prestazione così non me la sento, pollice recto per Lemina, Asamoah e Alex Sandro. Asa una lietissima “scoperta”: se fisicamente sta bene, ha una sensibilità nel proporsi sopra la linea della palla, un atletismo e una conduzione palla sopra la media; Sandro, pur non avendo fatto nulla di particolarmente appariscente, ha una facilità di corsa e di cross allucinanti; Mario è una dignitosa mezzala ma un buonissimo volante.

Spero reciti un ruolo centrale in questa Juve: la sua capacità di schermare la difesa (4 tackle, 2 intercetti e un duello aereo vinto), abbinata alla rapidità e all’essenzialità nel gestire la palla in uscita dalla difesa (0 palloni persi), lo può rendere un elemento preziosissimo. Poi cito la presenza di Alves nella partita, ma non è una novità. A livello collettivo invece, ho finalmente visto la famosa tecnica che Allegri richiama continuamente nelle sue interviste. Ormai temevo fosse diventato un mantra fumoso”.

LL: “Ti quoto Asamoah (il migliore per distacco) e Lemina, che ancora non ho capito dove renda maggiormente ma che è facile intuire sia un giocatorone. A questo giro non metterei tra i migliori Sandro, che ha sbagliato per ben due volte consecutive sul gol della Viola. Che poi si tratti di un top player del ruolo penso non esistano dubbi. A proposito di Sandro, grazie a lui e a Dani Alves sugli esterni la Juve può permettersi un giro palla nettamente più fluido e veloce degli scorsi anni.

Nel primo tempo la palla passava da un lato all’altro del campo che era un piacere per gli occhi. Su Dani Alves, scherzerà un po’ troppo con il fuoco in alcune situazioni, ma ha reso il centro-destra del campo con Khedira e soprattutto Dybala un qualcosa di difficilmente arginabile. Ah, ma Higuain?”.

Qualità forse inedita allo Stadium.

GMP: “Sarò duro, ma per me è inaccettabile che un professionista della sua esperienza si presenti sul posto di lavoro in quelle condizioni fisiche. È ingiustificabile, a meno che non abbia un alibi di ferro di cui non siamo a conoscenza. Ad ogni modo le sue qualità non si discutono, basti vedere l’anticipo con cui ha letto il rimbalzo del pallone sul gol del 2-1”.

LL: “Higuain purtroppo la tendenza ad ingrassare facilmente l’ha sempre avuta. Come ha fatto notare il sempre ottimo Adani nel post partita, anche Sarri lo scorso anno le prime giornate non aveva paura a sostituirlo vista la condizione precaria (vedi per esempio alla 1a giornata in Sassuolo-Napoli). Massimo una quindicina di giorni comunque e penso che lo vedremo titolare. Prima di chiudere, per caso hai visto qualcosa di Udinese-Roma?”

GMP: “Ho visto una Roma forse provata dall’andata del preliminare di CL, che faceva fatica ad accompagnare la fase offensiva con il centrocampo, ed un Salah a a volte un po’ sbaglione con la palla nei piedi, ma in grado di garantire già a metà agosto una gamba e un’efficienza in fase difensiva eccellente.

Ed in tutta onestà ho quasi esultato al gol di Dzeko: mentalmente è sotto ad un treno, ma ciò nonostante resta un buonissimo centravanti di manovra. Magari carente nei movimenti e nelle spaziature, ma egregio nel trattare la palla e dialogare con la squadra. L’Udinese invece fino allo 0-2 aveva dimostrato una discreta personalità in mezzo al campo, salvo poi sbracare. Stasera chi seguirai in particolare?”

LL: “L’Italvolley! A parte le battute, per motivi strettamente fantacalcistici sarò costretto a sorbirmi tanta diretta gol. L’asta incombe e finora ho studiato poco e male. Noi due invece, quando ci ribecchiamo? Quel Napoli-Milan alla 2a come lo vedi?”

GMP: “”Ho sia Sky che Premium, in qualche modo la vedrò, immagino…”


 

La redazione di Sportellate.it nasce in un attico riminese nell'estate del 2012. Oggi è la voce di una trentina di ragazzacci da tutta Italia. Non ama prendersi troppo sul serio.